"Alto Gradimento", storico programma di Renzo Arbore a Radio2

Radio News

"Alto Gradimento", storico programma di Renzo Arbore a Radio2

Chapeau a Radio2. A partire dal prossimo 6 febbraio “Alto gradimento”, lo storico programma radiofonico ideato da Gianni Boncompagni e Renzo Arbore nel 1970, torna in podcast sul sito dell’emittente Rai. Un’iniziativa che non lascerà indifferenti i suoi fan che, gratuitamente, ogni giorno avranno la possibilità di ascoltare e scaricare la collezione della trasmissione che rivoluzionò il mondo della radiofonia.

“Con Alto gradimento nasce la radio improvvisata, un programma che fabbrica successi, inventa mode e tendenze, usa come tormentone la musica folk ma anche inni di tipo militare o slogan mutuati dalla pubblicità” così Renzo Arbore nel corso dell’intervista rilasciata a Radio2, racconta il successo del programma. “È incontrovertibile -continua Arbore- che Alto Gradimento  sia stato il più grande successo nella storia della radio di tutti i tempi dopo quello de 'i quattro moschettieri' di Nizza e Morbelli che battezzò la radio in assenza della televisione”.

Un successo che, tra pochi giorni, tornerà sul sito Radio2.rai.it in formato audio. Il primo podcast regalerà gli sketch di Grandi magazzini e la voce di Giorgio Bracardi attraverso due noti personaggi: Max Vinella, un improbabile giornalista di cronaca nera, e il Dott. Marsala, un noioso funzionario Rai. Spazio, poi, a Mario Marenco, che diede vita a surreali personaggi quali il Colonnello Buttiglione, il poeta Vinicio, la Sgambarrona (La “ragazza” di Boncompagni che lamentava le sue scarse attenzioni), e ai suoi colleghi Franco Bracardi, fratello di Giorgio e Marcello Casco.

Dulcis in fundo, a rallegrare le giornate degli ascoltatori anche le voci registrate di personaggi dello spettacolo e della politica che diventarono un vero tormentone in radio. Frasi celebri di Mike Bongiorno, Vittorio De Sica o Amintore Fanfani ripetute fino allo sfinimento. Insomma, un programma cult servito su un piatto d’argento ai nostalgici fan per merito del direttore di Radio2, Flavio Mucciante.

“Abbiamo avviato un minuzioso lavoro sui materiali di archivio - spiega Mucciante - alcuni dei quali mai riproposti: bobine dall’audioteca della Rai ma anche messe a disposizione dallo stesso Arbore e da collezionisti. L’obiettivo -continua il direttore di Radio2- è far conoscere a tutti gli ascoltatori e navigatori del web quello che ha rappresentato Alto Gradimento: il passaggio dalla radio paludata e ingessata ad un linguaggio più libero.

Ma non solo: Arbore e Boncompagni sono stati rivoluzionari anche nella musica: l’attenta selezione del suono, la proposta di artisti fuori dei grandi circuiti, l’occhio strizzato al pop internazionale. E poi -conclude Mucciante- la rivoluzione del parlato sulla musica, impensabile fino a quel momento”. Parole che spingono ad andare sul sito dell’emittente Rai per trovarsi a tu per tu con Alto Gradimento che, quarantadue anni fa, conquistò il pubblico con l’entusiasmo e l’umorismo di Arbore e dei suoi compagni di ventura.

Un programma, forse, irripetibile. Difficile immaginarne uno simile all’interno dell’attuale palinsesto radiofonico. “Bisognerebbe avere energia, incoscienza, entusiasmo e non rifarlo com’era, ma attualizzarlo” così Renzo Arbore, in occasione del 40° anniversario di Alto Gradimento, rispondeva ad un giornalista dell’Ansa. Potrebbero avere una chance Lillo e Greg che, a detta di Arbore, “sono appassionati di musica, hanno i tormentoni, il gusto dei personaggi falliti, dei collegamenti fasulli.. Tutta la tematica di Alto Gradimento che agiva nei sotterranei della radio, ribaltandone l’ufficialita”.

Che cosa ne pensate? Possibile, dunque, che Alto Gradimento torni in radio e non solo in podcast? Chi potrebbe, cari amici di Radiospeaker.it, raccogliere l’eredità di Arbore & co? A voi la parola.

Articolo a cura di Sofia Napoletano