Condannate per Stalking perchè ascoltavano Radio Maria ad alto volume

Radio News

Condannate per Stalking perchè ascoltavano Radio Maria ad alto volume

Quante volte vi sarà capitato di ascoltare la radio ad alto volume e ricevere delle lamentele dai vostri vicini. I protagonisti della vicenda, di cui vi sto per raccontare, sono andati ben oltre i messaggi lasciati nella buca delle lettere, o il vicino di casa che vi bussa alla porta per lamentarsi con voi.

Due sorelle di Olbia sono state condannate a otto mesi di reclusione per stalking. Si avete letto bene. Infatti le donne, in lite con il fratello per motivi economici, lo hanno perseguitato per anni mettendo ad alto volume tutta la programmazione di Radio Maria davanti al ristorante in cui lavorava insieme a sua moglie. E proprio la moglie, ad un certo punto, aveva addirittura cambiato città, andando a vivere a Sassari. Così l’uomo esasperato dalla situazione ha deciso di denunciare le sorelle per stalking, ottenendo il loro allontanamento dai luoghi di residenza e di lavoro.

Infine, pochi giorni fa, grazie anche alle testimonianze, la vicenda si è chiusa con la condanna per stalking e il risarcimento dei danni attraverso il pagamento delle spese giudiziarie. Finalmente, i protagonisti di questa storia potranno svolgere la loro attività in tutta serenità e grande gioia che accompagnerà soprattutto quei clienti che ogni volta che andavano al ristorante erano costretti a sentire Radio Maria.

Quindi la prossima volta che volete ascoltare la vostra radio preferita a tutto volume, pensateci bene perchè i vostri vicini potrebbero decidere di vendicarsi in questo modo. Se, invece, vi è capitato di discutere con i vostri vicini per questo motivo, e la situazione è sfociata sul tragicomico, raccontateci la vostra esperienza.

Articolo a cura di Ilaria Frosi
Fonti: qn.quotidiano.net/cronaca/2012/03/31
lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2012/03/31