Le Controversie Giudiziarie che possono sorgere in Radio

Curiosità Radiofoniche

Le Controversie Giudiziarie che possono sorgere in Radio

Quando si parla di radio si pensa di solito allo speaker che trasmette della buona musica. La si considera pertanto uno strumento innocuo, non in grado di creare conflitti di alcun genere. Invece, forse non tutti sanno, che le aule di Tribunale sono spesso teatro di accese controversie che riguardano proprio le radio.

Sono numerose le controversie amministrative e cioè i giudizi intentati dalle Aziende "Radio" contro la Pubblica Amministrazione. Pensate, ad esempio, ai giudizi che hanno ad oggetto l’impugnazione degli atti che autorizzano l’installazione di impianti che diffondono le onde radiofoniche, oppure degli atti con cui il Ministero rilascia le licenze all’apertura delle radio.

Di frequente, il contenzioso amministrativo riguarda anche l’impugnazione dei provvedimenti urbanistici ed ambientali, dal momento che, per l’installazione degli impianti di trasmissione sonora, bisogna innanzitutto rispettare il piano territoriale e i vincoli di carattere ambientale esistenti nella zona.

Si passa poi  agli ancor più numerosi contenziosi civili, ossia quelli che vengono instaurati dai comuni cittadini, i quali il più delle volte lamentano danni derivanti dall' apertura di stazioni radio in quanto sentono leso il loro diritto alla salute, compromesso dall’emissione delle onde elettromagnetiche; oppure denunciano la compromissione della loro tranquillità a causa dei rumori e delle vibrazioni procurate dalle stazioni radio.

Molte cause giudiziarie vengono intentate, quando le radio sono collocate dentro i condomìni dove, si sa, la tolleranza per i rumori è sempre molto bassa. E si arriva infine anche ai giudizi penali, visto che le emissioni sonore, quando superano certi limiti di legge, possono determinare anche lesioni personali.

È inoltre capitato, soprattutto in passato, che l’apertura di impianti di diffusione sonora fosse censurata per il reato, oggi depenalizzato, di “collocazione pericolosa di cose”.

La radio è dunque uno strumento bellissimo ma, prima di aprirla, occorre essere consapevoli delle numerose implicazioni che la gestione di una radio comporta, soprattutto con riguardo alla necessità di rispettare comunque i diritti dei terzi.

Articolo a cura di Maurizio Iacono