Creare una Web Radio di Successo? Scegli la tua "nicchia"

Web Radio

Creare una Web Radio di Successo? Scegli la tua "nicchia"

Continuiamo il nostro discorso sulle Web Radio. Tra le domande che più spesso troviamo nelle email che ci arrivano in redazione, c'è n'è una molto ricorrente: come creare una web radio di successo? Come competere con le grandi radio in fm? Come trovare degli ascoltatori fedeli?

Dopo attente riflessioni e analisi del Web, dopo aver seguito un WorkShop curato da Robin Good, guru dell'editoria online, siamo arrivati ad una coclcusione: per creare una radio web di successo serve una "nicchia d'ascolto" ben definita, strutturata e specifica.

Entriamo nel dettaglio: competere con una  radio Fm che ha anche uno streaming online è praticamente impossibile per una web radio, questo è un dato di fatto. E' impossibile solo se si affronta sullo stesso campo, cioè se si offre lo stesso servizio e lo stesso prodotto agli ascoltatori. Le radio Fm, avendo molta più disponibilità economica ed uno staff completo e variegato, avranno un sito decisamente migliore  ed un palinsesto molto ben strutturato. D'altro canto una web radio, spesso composta da una sola persona o da un gruppo di collaboratori, soccomberà sotto il peso di questi giganti dell'etere. Per fortuna però, una soluzione c'è o ci sarebbe: individuare una nicchia d'ascolto ben definita

Individuare una "nicchia d'ascolto"

Il consiglio che mi sento di dare è quello di andare a pescare in un altro mare. Bisogna cambiare il campo di battaglia, e allontanarsi il più possibile da quello che offrono le grandi Radio. Offrire qualcosa di completamente diverso e di molto più specifico rispetto alle Grandi radio generaliste, è a mio a viso, la vera probabilità di successo per le web radio.

Facciamo qualche esempio concreto: il sito United Radio racchiude moltissime web radio specifiche, ci sono radio come Radio Bau, dedicata solo agli appassionati di animali domestici (nicchia), c'è Radio Mina, dedicata solo agli amanti di Mina (Nicchia), c'è 100% Beatles dedicata solo ai mitici Fab Four: lo Staff di United Radio ed il gruppo Finelco hanno capito prima di molti altri la strategia della nicchia d'ascolto, e il sito United Radio ne è la dimostrazione.


Territorio, Argomento, Sesso, Età: a chi stai comunicando?

"Ok Giorgio, ma io adesso cosa devo fare, ho già una web radio avviata? "Se già hai una web radio e non vedi i risultati che avevi previsto, cambia strategia e individua la tua nicchia specifica: prima di creare il sito figo, con mille animazioni, un player da paura ed una valanga di banner in movimento, pensa al Target, alla Nicchia: a chi vuoi comunicare? cosa vuoi comunicare? individua la tua nicchia d'ascolto, più è specifica meglio è!

Le nicchie si dividono per: Territorio (tutti gli abitanti di Roma, o ancora più specifica, tutti gli abitanti del quartiere Prati di Roma), Argomento (tutti gli amanti delle rose, o ancora più specifica, tutti gli amanti delle rose blu), Sesso (solo uomini, solo donne, solo omosessuali), Età (bambini, giovani, adulti, anziani). Quanto più è specifica la tua nicchia, tanto più la tua web radio avrà la possibilità di attirare ascoltatori fedeli ed appassionati di un determinato argomento, i quali porteranno nuovi amici con la stessa passione sulla tua web radio.

"Si ma così, avrò pochi ascoltatori, perchè la nicchia è troppo piccola". Secondo il mio parere, e quello di tanti bravi editors online, un ascoltatore appassionato è capace di attirae almeno altri 10 ascoltatori appassionati come lui. Il passaparola ha un potere immenso. Ti faccio un esempio, io sono appassionato di windsurf, se trovo una webradio che mi parla solo di windsurf, mi dice ad esempio dove trovare il vento, mi fa sentire interviste ai più grandi atleti di windsurf, mi spiega le manovre, insomma una radio che parla della mia passione, la consiglierò a tutti i miei amici appassionati di windsurf, che diventeranno nuovi ascoltatori fedeli e a loro volta la consiglieranno ad altri amici con la stessa passione: la catena d'ascolto viene innescata.

Articolo di Giorgio d'Ecclesia
Foto Credits: jscreationzs's