Deejay Tv passa a Discovery Italia

Curiosità Radiofoniche

Deejay Tv passa a Discovery Italia

E’ una delle emittenti radiofoniche più apprezzate d’Italia, grazie alla presenza di format e personaggi dell’etere radiofonico, ormai divenuti veri e propri beniamini del pubblico all’ascolto.

Stiamo parlando della seguitissima Radio Deejay, che ultimamente non sta  mancando di riservare gradite sorprese, le stesse che investono anche il piccolo schermo dell’emittente targata “L’Espresso”.

A tal proposito, è di pochissime ore la notizia secondo la quale Deejay Tv sia stata acquisita dal gruppo editoriale documentaristico per eccellenza, Discovery Italia,  che entro la fine del mese di gennaio potrà godere anche di questo nuovo ingresso, apparentemente ambiguo, data la differenza di contenuti proposta.

Ma dai “piani alti” assicurano che, l’obiettivo di questo passaggio, è finalizzato ad una maggiore valorizzazione del “brand” della tv di Linus, in riferimento al target  e ai format trasmessi.

17 milioni di euro, questa la cifra alla base della cessione di Deejay Tv a Discovery Italia, una quota considerevole che porterà il nuovo editore dell’emittente televisiva “musicale” a produrre il canale in collaborazione, artistica e promozionale, con Elemedia, società editrice delle emittenti del Gruppo L’Espresso.

Grande soddisfazione nelle parole del President & Managing Director Discovery networks southern europe e amministratore delegato Discovery Italia, Marinella Soldi, la quale, felice per l’inserimento di Deejay Tv, decreta così il gruppo televisivo quale innovativo ed ora completamente generalista grazie anche ad un modo originale  di proporre l’intrattenimento, in cui l’ormai consolidata digitalizzazione assume maggiore valore e possibilità di scelta con diversi contenuti di qualità, magari proprio quelli proposti dall’editoria firmata Discovery.

Insomma, un traguardo importante per il noto marchio, conosciutissimo soprattutto per le bellezze naturali e paesaggistiche offerte dai tanti canali che “viaggiano” anche via satellite. Un carnet che ora si amplia con un altro timbro di successo.

Una fusione che darà vita finalmente a qualcosa di nuovo ed estraneo ai classici e ripetitivi “talk-show” televisivi?

Staremo a vedere. Intanto, auguri!

 

Articolo a cura di Maurizio Schettino