Federico Russo: da Cantante a Presentatore

Radio News

Federico Russo: da Cantante a Presentatore

Ne avevamo parlato, lo avevamo accennato, lo avevamo confermato e ora siamo a pochi giorni dall’inizio di questa nuova avventura. Parliamo di Federico Russo, ex speaker Rds e conduttore Mtv oltre che concorrente di “Operazione Trionfo” (uno dei primi talent musicali dedicato a aspiranti cantanti), ora conduttore su Radio Deejay nella fascia serale dalle 20 con “Via Massena”, in compagnia di Vic e Marisa Passera.

Proprio da un reality sul canto e sulla musica riparte la carriera televisiva di Federico, però dall’altra parte della barricata: è infatti stato scelto come nuovo conduttore per “The Voice of Italy 2”, in partenza su Raidue mercoledì 12 marzo, quindi tra pochissimi giorni. Federico Russo sostituisce l’attore Fabio Troiano, che in più occasioni l’anno scorso non aveva convinto in quel ruolo e, in una delle recenti interviste rilasciate ad alcune testate, dichiara alcune cose molto interessanti che mi hanno fatto riflettere e da cui ho preso spunto per questo articolo.

La frase che apre e credo caratterizza l’intervista è “Sono diventato un presentatore perché ho fallito come cantante”, infatti in breve Federico spiega come la partecipazione a “Operazione trionfo” nascesse dalla voglia di emergere proprio come cantante, il lavoro che sognava di fare, ma che dopo il reality, in cui è stato escluso quasi subito, e altri tentativi in cui le situazioni e alcune persone lo avevano convinto che non aveva le qualità e il talento per sfondare, ha dovuto cambiare strada adattandosi ad altri ruoli.

Certo la fortuna, la notorietà conquistata grazie al talent e il periodo favorevole (oggi probabilmente sarebbe quasi impossibile essere contattati direttamente da un network) lo aiutano, ma l’occasione si presenta quasi subito quando i responsabili di RDS, che lo avevano notato a “Operazione trionfo”, lo invitano a condurre un programma sulla loro emittente. Federico ovviamente non si fa scappare l’occasione e da quel momento inizia la sua carriera come conduttore, fino ad allora mai pianificata, che è tutto un crescendo di esperienze e occasioni importanti ma passando sempre da un lungo periodo di gavetta.

Dopo RDS arriva la convocazione nella neonata MTV, in cui Federico diventa uno dei volti di punta, aggiungendo quindi la televisione al suo curriculum, fino a quando nel 2006 viene licenziato e ancora non si sa spiegare il perché. Dopo questa vicenda negativa è ancora la fortuna, forse il destino, quello che ti indica qual è il lavoro della tua vita, a bussare ripetutamente alla sua porta nella persona di Linus, che da Direttore Artistico di Radio Deejay lo sceglie per entrare a far parte della sua squadra.

Radio Deejay è da sempre la sua radio preferita e lì inizia a giocarsi le sue carte, conquistando credibilità, professionalità, sicurezza e padronanza del programma giorno dopo giorno fino a diventare oggi uno degli speaker più apprezzati dell’emittente. Ecco la gavetta di cui vi parlavo, il saper stare al proprio posto e far bene il proprio lavoro cercando di conquistarsi la fiducia di tutti piano piano. Certo, penserete voi, sarebbe un sogno fare la gavetta a Radio Deejay! Pienamente d’accordo, ma quelli erano altri tempi e c’era ancora voglia di investire su personaggi emergenti e giovani, oggi… lasciamo perdere.

Sta di fatto che, dopo qualche comparsata anche su Sky e in Rai, Federico ha finalmente la grande occasione, dal 12 marzo, di cimentarsi in un programma televisivo in prima serata su Raidue, con un discreto successo lo scorso anno, che parla di musica, cantanti e talenti, quindi il suo mondo e che speriamo gli dia la possibilità di affermarsi anche in campo televisivo come uno dei volti nuovi del piccolo schermo. Glielo auguriamo con tutto il cuore. Ora veniamo a noi, alle nostre storie normali, alle nostre difficoltà e ai nostri sogni.

Troppo facile sarebbe chiedervi a cosa sareste disposti a rinunciare per un po’ di gavetta in radio ma, prendendo ispirazione dalla storia di Federico Russo, che lavoro fate ora nella speranza o nell’attesa che il vostro sogno si realizzi? Cioè, posto che ognuno di noi sogna un giorno di condurre un programma in un’emittente importante e fare questo lavoro, che altra occupazione avete nel frattempo? Aspettate la vostra occasione o, come Federico per il canto, avete capito che non c’è speranza e avete ripiegato su un’altra strada, magari più interessante e soddisfacente della prima?

Per chiudere con un po’ di positività e di speranza, volevo segnalarvi il consiglio che lo stesso conduttore di The Voice dà ai cantanti e ai giovani in gara, ma che può benissimo valere anche per tutti noi: “Dirò a tutti gli eliminati di non abbattersi, perché anche da una sconfitta, da un fallimento, può nascere qualcosa di bello. E la mia storia ne è la dimostrazione”. In bocca al lupo Federico per questa nuova avventura!

Articolo a cura di Nicola Zaltieri