Il Festival di S.Remo e la Radio

Radio News

Il Festival di S.Remo e la Radio

Mancano davvero poche ore all’inizio del Festival di Sanremo, e oggi su Radiospeaker.it parliamo delle sue origini. Molti di voi si staranno chiedendo cosa accomuni la kermesse della musica italiana alla radio. Non stiamo parlando di Radio Italia che è il partner ufficiale e neanche di SanremoWebRadio.it, che l’anno scorso omaggiò Gianni Morandi trasmettendo i suoi più grandi successi.

Il Festival di Sanremo, nato da un’idea di Amilcare Rambaldi con l’intento di dare risalto alla città che stava vivendo un momento di crisi, dal 1951 al 1955 fu trasmesso esclusivamente per radio. Inizialmente, nel 1946, quando Rambaldi propose l’idea di un evento canoro dedicato alla musica italiana, il progetto cadde nel vuoto. Ma nel 1951 fu ripreso da Pier Bussetti, direttore del Casinò di Sanremo, che grazie anche alla RAI, riuscì a dar vita ad un iniziativa rimasta nel cassetto.

Così, il 29 gennaio 1951, dopo venti giorni di prove negli studi RAI di Torino, direttamente dal Casinò di Sanremo, andò in onda la prima edizione del Festival. In realtà il collegamento con la radio ci fu alle 22, proprio per dare spazio alla musica, trasmettendo le venti canzoni che erano in gara. A conquistarsi il primo posto durante la prima edizione del Festival della Canzone Italiana fu “Grazie dei fiori” di Nilla Pizzi.

Sempre Nilla Pizzi fu la protagonista della seconda edizione conquistando non solo il podio con “Vola colomba”, ma anche il secondo posto con “Papaveri e papere” e il terzo con “Una donna prega”. I cambiamenti più significativi ci furono per la terza edizione che si svolse il 29,30 e 31 gennaio del 1953.

Infatti, per la prima volta ci furono due orchestre diverse per dare una duplice interpretazione dello stesso brano, e la giuria era composta da abbonati RAI estratti a sorte, che affiancavano gli altri 80 giurati presenti in sala. Inoltre la vincitrice fu Flo Sandon’s con “Viale d’autunno”, spodestando così la “Regina della Canzone” Nilla Pizzi, che aveva conquistato il podio per due anni consecutivi.

Per la quarta edizione il regolamento rimase quello dell’anno precedente e l’unica novità fu Totò che si presentò con la canzone “Con te”. La quinta edizione, invece, fu trasmessa, prima per radio alle 22, e, poi, alle 22.45 anche in televisione. Il ruolo della radio in questi cinque anni di trasmissione del Festival di Sanremo ebbe un ruolo fondamentale. Innanzitutto quello di assolvere al motivo per il quale era nato, dare risalto alla città di Sanremo. E poi di dare una scossa al mondo discografico, attraverso le vendite dei dischi che venivano presentati al Festival.

La radio fece da trampolino di lancio per il Festival di Sanremo, per poi lasciare lo scettro alla televisione, ma se tornasse ad essere trasmesso solo per radio come avveniva un tempo? Che ne pensate?

Articolo a cura di Ilaria Frosi