Sulle frequenze dell’arte con Radio Arte Mobile

Radio News

Sulle frequenze dell’arte con Radio Arte Mobile

Radio Arte Mobile al servizio della creatività 24 ore su 24. La prima radio italiana, dedicata alle arti visive e sonore, che dal 2007 trasmette in streaming dal sito radioartemobile.it. Stasera, alle 21:00, in occasione della manifestazione Arte Fiera Bologna 2012, rende omaggio a Luigi Ontani, noto pittore e scultore bolognese, per poi dare spazio al secondo dibattito sul rapporto tra arte e azienda. Questa la notizia.

Ora, pongo una domanda: Può l’arte fare ascolti in radio? Qualcuno risponderà con un secco no! Certo se parliamo di un film, che facilmente riesce a catturare l’attenzione dell’ascoltatore, il problema non si pone; ma se per arte intendiamo la pittura o la scultura? A quanto pare, ed è piuttosto confortante, il problema non si pone nemmeno in questo caso.

« Il server ci segnala quando sfondiamo il muro di 120 ascoltatori al secondo: ultimamente succede sempre più spesso» così Luca Vitiello, Assistant Production di Radio Arte Mobile. E dettaglio di non poco conto, gli ascoltatori non sono solo italiani. La radio è ascoltata dall’America Latina alla Croazia!! Un fatto eccezionale ma, diciamoci la verità, niente succede per caso. Il successo è frutto di anni di lavoro e lo sanno bene i galleristi nonché fondatori di RAM, Mario Pieroni e Dora Stiefelmeier.

Ma vediamo com’è nata l’idea di arricchire il web con una radio dedicata all’arte. Non ci crederete ma tutto è iniziato sulle quattro ruote, quando RAM era solo una piattaforma di incontro di artisti, addetti ai lavori e pubblico. Già, proprio così. Nel 2000 Mario Pieroni e Dora Stiefelmeier a bordo di un pullmino, decorato dall’artista Federico Fusi, hanno girato in lungo e in largo l’Europa per intervistare curatori, direttori di musei, artisti.

«Avevamo partner a Stoccolma e Vienna - spiega Dora Stiefelmeier - Dopo un anno abbiamo cominciato a stanziarci per grandi dirette: durante la Biennale del 2001 a Venezia abbiamo creato un’installazione radiofonica che ha coinvolto tutti gli artisti di passaggio. Nel 2005 è stato Michelangelo Pistoletto a regalarci "l'Armadio del Mediterraneo", che è poi diventato il contenitore del nostro grande archivio, anima della nostra programmazione». Una miniera d’oro per gli amanti dell’arte che, tra registrazioni di eventi e interviste, conta più di 1200 file sonori. Davvero niente male per una web radio “artistica”.

E voi, fan dell’arte e non, che cosa ne pensate? Il successo di RAM vi sorprende? Dite la vostra, senza indugio.

Articolo a cura di Sofia Napoletano.
Fonte: Corriere della Sera