Una notte ho sognato che parlavi: il libro di Gianluca Nicoletti

Libri sulla Radio

Una notte ho sognato che parlavi: il libro di Gianluca Nicoletti

Passerò gran parte di luglio e agosto in giro per l’ Italia, a presentare il mio libro. Continuerò a presentarlo fino a dicembre. Nella maggior parte delle occasioni mi porterò dietro anche Tommy. E’ finora stato molto interessante parlare di autismo nelle piazze e negli auditori.  Ho sempre avuto davanti centinaia di persone, sempre molto attente, sempre molto silenziose…Forse troppo. So bene che una percentuale alta di quelli che vengono ad ascoltarmi hanno un problema simile al mio in famiglia, quasi nessuno però lo dice”( Tratto dal blog di Gianluca Nicoletti-miofiglioautistico.it)

Gianluca Nicoletti, giornalista, scrittore e conduttore radiotelevisivo, attualmente speaker su Radio24 si è “aperto” al mondo presentando suo figlio autistico adolescente Tommy con un blog e un libro “Una notte ho sognato che parlavi”. Il suo è un atto di coraggiosa resistenza alla sofferenza e al dolore, vissuta con ironia, semplicità pratica ed amore per la vita. Un esempio per tante famiglie che condividono la stessa quotidiana difficoltà.

In una recente intervista, rilasciata a Patrizia La Daga, Nicoletti racconta: “(…)non vedo altra forma di vita possibile che occuparmi di mio figlio, ma mantengo il mio margine di gioia e di desiderio nei confronti della vita. Se fossi il classico padre con figlio disabile non sarei qui a scherzare con te e a farti i filmini, vedresti invece un signore con gli occhi persi nel vuoto che pensa che per tutta la vita farà il badante al figlio. Io non mi rassegno. Vedo madri di autistici, donne fantastiche, che si trascurano e pensano che a loro la vita non potrà dare più niente. Persone così sono infelici e trasmettono solo infelicità ai figli. Io Tommy me lo vorrei portare dietro sempre, facciamo tutto insieme e lui si diverte, è contento. È nostro dovere di genitori non essere “cadaveri” per i nostri figli. Tommy ci ha insegnato a “sgraffignare” con le unghie dei barlumi di felicità dalla vita

Il titolo del recente libro autobiografico di Nicoletti “Una notte ho sognato che parlavi” ricorda i sogni e le speranze di tante famiglie che non si sono arrese alla malattia, ma che lottano ogni giorno con la vita per un sorriso in più.

Un ritratto di pezzi di vita vissuta, crudo e reale, velato di una leggera ironia che non guasta mai. Un valido supporto per i tanti Tommy sparsi per la penisola. E in un Italia di preconcetti vale la pena leggere un buon libro verità che sapientemente ritrae la quotidianità scomoda di un disabile e della sua famiglia. Un contributo concreto che aiuterà gli “inconsapevoli” a capire meglio cosa sia l’autismo.

Dal suo blog,poi, si ha anche notizia di traguardi insperati e di piccole vittorie come il Premio letterario Estense che quest’anno ha scelto tra i finalisti anche il libro su Tommy di Nicoletti. E’ un premio prestigioso che viene assegnato ogni anno a libri scritti da giornalisti e legati a loro osservazioni, inchieste o articoli.

Una bella conquista a prescindere dal risultato finale che rimarca ancora una volta l’importanza di raccontare la reale condizione di disagio di chi vive il mondo tutto suo dell’autismo. Scelta sensibile e non convenzionale quella di Gianluca che si evince tra le righe del libro ma soprattutto dalla testimonianza concreta di vita che si riassume cosi: di autismo non si muore ma si convive ogni giorno.

Nel blog di Nicoletti, simpaticamente,  si legge della prossima straordinaria avventura settembrina del suo Tommy, una allegra ippo-traversata di una settimana per padri e figli autistici che sarà interamente riportata dallo stesso Nicoletti sulla Stampa. Un’esperienza di libertà e condivisione per 10 ragazzi con disabilità che si pone come nuovo punto di incontro tra generazioni.

Anche il libro di Nicoletti ha l’ambizione di creare dei ponti di solidarietà, ponti reali e non solo sulla carta, margini di speranza per chi manca di coraggio e forza, righe di scrittura verdi che lanciano input per un “domani” che esiste nonostante tutto.

Gianluca ci insegna tra le righe amare di una vita pienamente realizzata che l’autismo in certi casi può trasformarsi in una risorsa anziché un problema da risolvere. Con “Una notte ho sognato che parlavi” si riscopre cosi la gioia autentica di ogni piccolo passo in più da una visuale positiva e controcorrente.

Scheda libro

Autore: Gianluca Nicoletti
Titolo: Una notte ho sognato che parlavi
Editore: Mondadori
Collana: Strade Blu
Data di pubblicazione: 19/02/2013
Pagine: 180

Fonti: Miofiglioautistico.it, LibriMondadori.it

Articolo a cura di Nicoletta Zampano