Giornalismo Radiofonico: Il Giornale Radio lungo

Giornalismo Radiofonico

Giornalismo Radiofonico: Il Giornale Radio lungo

Oggi parliamo del Giornale Radio cosiddetto lungo, preferito da molte emittenti al GR Flash di cui abbiamo trattato la scorsa settimana.

Il Giornaler Radio Lungo è più corposo, raccoglie più notizie e dura di più, potendo arrivare anche a 10/12 minuti. Come il GR Flash, anche il Giornale Radio lungo ha le sue sigle ed il suo sottofondo o base, così come può avere degli “stacchetti sonori” tra una notizia e l'altra che fanno capire subito all'ascoltatore che si sta “cambiando argomento”.

La collocazione dei servizi nel GR lungo

Il Giornale Radio lungo contiene anche i servizi che, come già spiegato, servono ad arricchire le notizie più importanti o più recenti. Per questo solitamente i servizi si trovano quasi sempre nella prima metà del Giornale Radio, secondo lo schema “classico” che solitamente prevede uno o due servizi per ogni settore, a cominciare dalla politica e continuando con la cronaca, gli esteri, lo spettacolo e lo sport, intervallati da altre notizie semplici. Un simile “schema” offre all'orecchio dell'ascoltatore un Notiziario equilibrato, vario e movimentato. Il primo servizio del Giornale Radio è detto “copertina”, l'ultimo “contro copertina”. Se c'è un avvenimento particolarmente importante (la caduta di un governo, ad esempio, un grave attentato terroristico, l'elezione di un Papa, ecc...) ad esso vengono dedicati più servizi che trattano l'argomento da vari punti di vista. In casi eccezionali, quel particolare evento può occupare anche la maggior parte del Giornale Radio.


Non sempre il servizio viene dedicato però alle notizie più importanti. Come infatti abbiamo spiegato parlando proprio dei servizi, se abbiamo a disposizione del materiale sonoro su un determinato argomento, anche se questo non è di fondamentale importanza, piuttosto che “sprecare” quel materiale, possiamo comunque usarlo per realizzare un servizio che collocheremo magari verso la fine del Giornale Radio. Allo stesso tempo una notizia molto importante, ma appena uscita, può non avere pronto il suo servizio: se ne parlerà comunque in apertura di Notiziario, rimandando poi alle edizioni successive per gli approfondimenti e quindi si preparerà un servizio per la prossima messa in onda del GR.

Altri inserti del Gr Lungo

Nel Giornale Radio lungo trovano spazio anche gli inserti vocali (sonoro, vox populi, trenino di voci) e le interviste (registrate, in diretta o in finta diretta) con lo stesso criterio dei servizi. Possono essere previsti anche dei “collegamenti”, ovvero dei servizi “tale e quale” di inviati e corrispondenti realizzati per lo più in diretta dal luogo dell'evento trattato.

I titoli del Gr Lungo

Il GR lungo a volte è provvisto di titoli. Sono delle brevi presentazioni delle notizie principali del Giornale Radio che il giornalista “anticipa” durante la sigla iniziale. Sono spesso legati alle notizie trattate con i servizi.

I GR a tema

Il Giornale Radio lungo può anche essere dedicato ad un unico settore. Sono i GR a tema e solitamente si chiamano “GR Economia”, “GR Spettacolo”, “GR Sportivo”. Le regole di composizione sono le stesse di un Notiziario lungo: contengono perciò, oltre a sigle e base, titoli, servizi, sonori e interviste, solo che tutti riguarderanno l'economia, lo spettacolo o lo sport. A volte seguono come appendice il Giornale Radio lungo o il GR Flash e sono presentati, o lanciati, dal conduttore del GR principale, ma poi sono condotti da un altro giornalista del settore specifico.

La diretta

Anche per il GR lungo valgono le regole della diretta di cui abbiamo parlato per il GR Flash, tenendo presente che, in presenza di servizi, interviste e collegamenti, gli inconvenienti tecnici sono più frequenti. Per cui per la loro conduzione occorre ancor più attenzione e professionalità.

Articolo a cura di Patrizia Simonetti