Guido Zerbin: Regista RTL 102.5 in video intervista

Interviste

Guido Zerbin: Regista RTL 102.5 in video intervista

Radiospeaker.it continua il suo giro di interviste tra i professionisti del settore radiofonico ed arriva a Milano per fare quattro chiacchiere con Guido Zerbin, regista di RTL 102.5 da più di sei anni. Simpatico, disponibile ed appassionato: tre qualità che fanno di un professionista un bravo professionsita. Ecco l'intervista che abbiamo realizzato per voi:

Raccontaci un po' di te, ora sei a RTL 102.5 da circa 6 anni…come sei arrivato ad RTL e qual è stata il tuo cammino in radio?
Io vengo dal live e da fine anni ‘80, inizi ‘90 ho iniziato a lavorare come tecnico live . Mi occupavo di backline, cioè di strumenti musicali, e di fonia in generale, strizzando anche un po’ l’occhio alle luci e a tutto quello che c’era da fare. Grande passione e animo zingaro fino al 2004 quano è arrivata la possibilità di lavorare per il tour estivo di RTL 102.5 come fonico dei live. Dopo quell’esperienza sono cominciate varie collaborazioni come tecnico esterno fino ad oggi che mi occupo della regia audio-video.

Rapporto Regista-Conduttore: Quale dev'essere l'atteggiamento di un fonico nei confronti dei conduttori?
Non è tanto diverso dal rapporto che si instaurava con le star musicali durante i live. Quindi bisogna avere allo stesso tempo rispetto del lavoro reciproco - cosa che molto spesso non c’è, soprattutto da parte dei conduttori - e fermezza. Bisogna assecondare la volontà dello speaker, perchè alla fine è lui che conduce ed è lui che ha delle esigenze, ma bisogna saper mettere dei paletti sopratttutto per quello che riguarda modi e tempi.

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA A GUIDO ZERBIN DI RTL 102.5


RTL 102.5 è stata una delle prime ad aprire un canale di radio-visione, cosa ne pensi della radio che diventa sempre più tv?
Se riesce a mantenere l’identità radiofonica anche guardandola può essere interessante. Special modo nei locali pubblici, nelle palestre, nei pub, nei negozi: il gestore ha il vantaggio che in ogni caso, anche se non si guarda la tv,  si ascolta la radio e c’è della musica in sottofondo.

RTL 102.5 ultimamente è stata scossa dal un paio di episodi: il primo è il “fattaccio
Facchinetti”, gira voce che sia stata colpa di un sms sbagliato vero?
Sembra di si, è la stessa voce che è arrivata a me. Poi bisognerebbe chiedere a Francesco. C’è da dire una cosa, il nostro editore è molto impulsivo, nel bene e nel male. In questo caso forse ha  reagito male ad una battuta. Conoscendo Francesco, che è un bel casinista, non escludo che questo sms sia partito e abbia sbagliato destinatario.

Il secondo scossone è arrivato dalla perdita di Federico L'Olandese Volante che è passato a R101. Ecco è cambiato qualcosa all'interno della radio, proprio a livello di organizzazione e di energia?
Si, c’è stato un cambiamento repentino è vero. Anche ultimamente ogni giorno ci chiedono di fare qualcosa di nuovo, ma è una cosa che avviene anche in altre strutture radiofoniche. Sicuramente l’impulsività del nostro editore è molto sentita anche perchè vuole avere il controllo su tutto. Il vero Station Manager è lui, è lui che decide cosa deve andare in onda e cosa no. E’ il titolare e il giocattolo è il suo. La perdita di Federico l’Olandese volante è da  addebitare all’impulsività di entrambi perchè è successo tutto in mezz’ora.

Cosa consigli a chi vuole cominciare la carriera di fonico radio?
Innanzi tutto mettersi un po’ sui libri, studiare l’audio e il video prima di proporsi a radio o tv importanti. Se poi si ha la fortuna di avere una persona che sa insegnare bene e ha la passione per farlo si ha già tre quarti del lavoro fatto. Spesso si vedono persone alle prime armi messe in onda dall’oggi al domani e prima o poi le magagne vengono fuori.

Cosa ne pensi di Radiospeaker.it?
Sono tra gli iscritti al sito, mi piace molto l’ambiente. Lo trovo utile perchè spesso traggo cose che non conosco o che no so. Sono un curioso di natura, non si finisce mai di imparare, soprattutto per quello che riguarda la radio e la tv e Radiospeaker.it è un portale importante per questo aspetto.

Intervista a cura di Giorgio d'Ecclesia