"I Have a Stream", il Network delle Radio Comunitarie è ora Online

Radio News

"I Have  a Stream", il Network delle Radio Comunitarie è ora Online

È online finalmente, dopo quasi un anno di lavoro, I Have a Stream”, la rete di web radio comunitarie e di quartiere, che è stata presentata con uno studio mobile allestito a Milano, in Piazza del Duomo, dal 6 all’8 ottobre scorso.

Questo progetto, che si allarga anche per buona parte del nord Italia, fino ad arrivare in Liguria , nasce proprio dalla raccolta di piccole radio di quartiere milanesi, che hanno scelto il web come piattaforma di trasmissione e coinvolge anche altre realtà, che vanno dall' interland metropolitano all'entroterra ligure.

Il mondo delle radio no profit e delle radio di cittadinanza, oltre ad avere in comune una forte connessione con il territorio che le ospita, raccolgono le proprie risorse dal volontariato, utilizzando i pochi mezzi a disposizione che hanno, ma mettendoci comunque molta passione, proprio perchè fondate su un'idea di cittadinanza che prevede impegno, condivisione, attenzione e una forte attitudine all'ascolto.

E' proprio questo il punto di forza di queste radio e in particolare di “I Have a Stream” che in questi giorni di attività comune, ha fatto in modo che le radio trasmettessero lo stesso flusso di musica direttamente dalla postazione di piazza Duomo. È stato un primo momento di visibilità pubblica per il network dopo le molte riunioni passate negli scantinati che spesso ospitano molte web radio.

Lo studio mobile in piazza Duomo, oltre a proporre interviste e musica dai propri territori di appartenenza, è stato un'occasione di conoscenza e contatto con chi è affascinato dal mondo radiofonico e per tutti quelli a cui piacerebbe collaborare con una di queste emittenti. Il network è anche a disposizione di chi volesse avviare una radio nel proprio quartiere, o nella propria città, senza sapere da che parte cominciare.

Quindi amici di Radiospeaker.it, cosa aspettate a fondare una piccola radio nelle vostre città?

Articolo a cura di Arianna Caramanti