RadiOrientale: intervista ai responsabili della web radio dell'Università di Napoli

Web Radio

RadiOrientale: intervista ai responsabili della web radio dell'Università di Napoli

Oggi parliamo di web radio universitarie. Un fenomeno in forte ascesa nel nostro paese dato i costi ridotti di realizzazione e, soprattutto vero trampolino di lancio degli speaker del futuro. Abbiamo incontrato gli amici di RadiOrientale, la web radio dell’Università di Napoli “L’Orientale”.

Tutta la redazione, composta da Alessandra Cardone, Angela D’Antò, Donata Forioso e Manuela Sicurezza ha risposto con entusiasmo alle nostre curiosità.

Cosa è Radiorientale, come e quando è nata?
RadiOrientale è la webradio dell'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Nel solco della consolidata tradizione dell’Ateneo, la webradio  da voce alla realtà multiculturale e plurilingue nelle sue diverse espressioni.  Il progetto di creazione della webradio prende forma nel 2007, quando il prof. Massimo Pettorino sperimenta, nell’ambito dell’insegnamento di Linguistica del parlato, il laboratorio di comunicazione radiofonica "Interculturadio". Nello stesso anno “L’Orientale” aderisce all’iniziativa Unyonair – Una radio in ogni Ateneo, promossa da Radio24 Il Sole24Ore.

Quali sono i suoi obiettivi e cosa la differenzia rispetto alle altre web radio?
RadiOrientale è un laboratorio di comunicazione multimediale e strumento di approfondimento culturale. La webradio assume e rinnova nella propria identità i tratti specifici de “L’Orientale” rafforzandoli in funzione del recupero e della valorizzazione di un modello di communitas universitaria le cui componenti siano unite da un dialogo intellettuale alimentato da stimoli costanti.         
Lo studio delle lingue e delle culture di tutto il mondo costituisce la peculiarità del nostro Ateneo, proiettato verso l’incontro con le diversità come esperienza di conoscenza. Le scelte editoriali di RadiOrientale si inseriscono nel solco di questa consolidata predisposizione.  A differenza delle altre web radio, RadiOrientale non ha un palinsesto prestabilito.

Qual è la partecipazione degli studenti?
La redazione di RadiOrientale è composta da un gruppo di collaboratori, laureati e studenti dell’Orientale. RadiOrientale offre l’opportunità di esperienze formative (in forma di stage) agli studenti e ai laureati interessati a lavorare nel mondo della comunicazione. Gli studenti italiani e stranieri partecipano attivamente nella produzione di alcuni programmi e rubriche. Gli studenti che seguono la webradio hanno la possibiltà di interagire attraverso i commenti sui singoli podcast o tramite social network (facebook, twitter, ecc.) e posta elettronica.

Cosa trasmettete? 
La programmazione di RadiOrientale si basa esclusivamente sul Podcasting. Interviste, speciali e approfondimenti.
Tra le produzioni di punta abbiamo:
- Onde Colte, contenitore di approfondimento culturale che spazia dall'arte alla letteratura.
- le rubriche Passeggiate tra i café di Parigi (storia di Parigi in 4 tappe), Da Hanoi a voi (viaggio nella cultura vietnamita) e La carica dei 110 (le storie dei laureati dell'Orientale).
- Focus Time, lo spazio di RadiOrientale dedicato a tutto quello che succede dentro e fuori l’Ateneo.
- Musiche dell’altro mondo, viaggio alla scoperta di sonorità e ritmi lontani.
Tutte le musiche usate per la produzione dei podcast sono sotto licenza Creative Commons.

Ci sono dei criteri di selezione per decidere quali studenti possono collaborare con Radiorientale?
I responsabili del progetto e la redazione selezionano tra gli studenti interessati a un periodo di stage quelli con maggior motivazione e interesse nei confronti del mondo della comunicazione. Non occorrono requisiti specifici, poichè gli stagisti saranno in grado di acquisire le tecniche principali nelle ore di training da espletare in affiancamento ai membri senior della redazione.

Intervista a cura di Giuseppe Opromolla