Isa B di Radio Kiss Kiss ci parla del suo nuovo programma: Dj Lovers Radio Show

Interviste

Isa B di Radio Kiss Kiss ci parla del suo nuovo programma: Dj Lovers Radio Show

Venerdì 18 marzo, su Radio Kiss Kiss è andato in onda per la prima volta il Dj Lovers Radio Show, nuovo programma condotto da Isa B. Radiospeaker.it questa settimana ha deciso di incontrare  la "B" per  approfondire l'argomento e chiederle come è nato il progetto

Ciao Isa, come nasce l'idea di questo programma?

Per quanto mi riguarda devo dire che quando mi è stato proposto il progetto, sono stata entusiasta di poterlo portare avanti perchè nei network italiani, fatta eccezione per le radio di settore,non viene dato molto spazio alla voce dei dj, oppure c'è la tendenza ad usufruire della figura del dj in relazione ad un preciso lavoro. In questo programma invece vanno in onda dei dj set propri del gusto di ogni dj. Si tratta di un lavoro che ruota intorno a questa figura professionale. Inoltre, vorrei fare una precisazione, ossia che spesso non ci rendiamo conto che in Italia, quanto a dj, possediamo delle vere e proprie eccellenze, dei numeri uno, riconosciuti molto di più all'estero. Questo senza nulla togliere ai dj stranieri, i quali fa sempre piacere ospitare e con i quali ritengo che lo scambio sia molto importante. Proprio per questo a “Dj Lovers Radio Show” noi curiamo anche la parte che concerne gli artisti stranieri.

ASCOLTA L'INTERVISTA AUDIO

La tua carrieraè cominciata nel 1992, in televisione sul canale setellitare “Match Music”. E poi come sei approdata alla radio?

La radio è stata per me una naturale conseguenza del mio lavoro in televisione, quando Match Music decise di costituire una web radio. Ho iniziato a prenderne parte e successivamente ho avuto la possibilità di intraprendere varie collaborazioni in diverse radio nazionali. Mi sono divertita molto perchè la radio ha una potenzialità unica.

Tu sei anche una vocalist e non hai mai abbandonato le tue esibizioni in discoteca. Chi meglio di te può spiegare la differenza c'è tra un vocalist e un conduttore radiofonico?

Io ho una grande passione per la musica, mi emoziona sempre, mi apre il cuore. Quando sono in consolle cerco di trasmettere tutta questa mia energia, è proprio il mio lavoro e non saprei fare altro. Mentre per quanto riguarda la radio, questa mi permette di avere una comunicazione maggiore, di manifestare le mie opinioni per ciò che concerne la musica e il mio amore per quest'ultima.

Secondo te come può distinguersi una donna nel campo radiofonico?

Io ritengo che quando ci sia del talento vero, non ci sia poi una distinzione tra uomo e donna. Senza polemica posso dire che gli uomini fanno una sorta di “lobby”, sono potentissimi, mentre le donne, nel campo radiofonico, sono meno agevolate. Quando però una donna ha talento nella comunicazione, a discapito di tutte le difficoltà che potrà incontrare, troverà il modo di emergere e butterà giù i muri con la sua voce.

Cosa senti di consigliare ad un'aspirante speaker?

Di buttarsi, di non smettere di provare e di avere il coraggio di prendere la propria vita in mano e andare avanti.

Sappiamo che segui Radiospeaker.it, Cosa ne pensi?

Io penso che, viste le difficoltà nell'entrare a far parte del mondo radiofonico, avere a disposizione un portale come il vostro, il quale possa informare e fornire delle dritte utili a chi vuole intraprendere questo mestiere, sia molto importante. Lo ritengo un buon lavoro.

Articolo di Catia Demonte