Mai Visto alla Radio - RTL102.5 e Domenica Sport - Rai Radio1: due programmi sportivi a confronto

Programmi & Radio Shows

Mai Visto alla Radio - RTL102.5 e Domenica Sport - Rai Radio1: due programmi sportivi a confronto

Quanto è importante l'informazione sportiva all'interno di un'emittente radiofonica? Ne abbiamo parlato spesso, esclusi i fenomeni delle radio sportive locali sappiamo bene come i programmi di sport abbiano un ruolo molto importante nel palinsesto di una radio. O ancora, quanto è importante la radiocronaca in diretta delle partite di campionato, dei match di coppa o degli eventi sportivi più importanti?

Pensate ad una domenica pomeriggio tipo: centro commerciale, cinema, macchina. Insomma, spesso non c'è la possibilità per gli appassionati di calcio di essere comodamente seduti sul divano di casa a guardare le partite e allora la radio può diventare un mezzo fondamentale per rimanere aggiornati sui risultati. C'è una vera e propria scuola di pensiero per quanto riguarda i radiocronisti, un modo di commentare, un modo di essere, una categoria ben specifica. A proposito, se coltivate questo sogno e avete questa passione ecco il link per iscriversi al corso di radiocronaca sportiva organizzato da Radiospeaker.it 

Per quanto riguarda i network, quali sono i programmi sportivi di punta? Ne ho voluti prendere in considerazione due, apparentemente identici per contenuti, ma totalmente opposti per stile e struttura, fedeli alle emittenti di appartenenza: parliamo di "Mai visto alla radio" su RTL 102.5 e "Domenica (o sabato se ci sono gli anticipi) Sport" su Rai Radio 1. È molto interessante metterli a confronto, scoprire analogie ma soprattutto differenze, pregi e difetti di entrambi.

Partiamo da "Mai visto alla radio" e quindi da RTL 102.5. Il programma è condotto da Andrea Salvati e Fabio Santini, ogni domenica dalle 15 alle 17, in concomitanza con le partite. Per appuntamenti calcistici importanti è possibile anche sentire delle puntate speciali il sabato sera o durante la settimana. I due conduttori sono in studio e in collegamento telefonico con i vari inviati sui campi di Serie A, saltellando da una partita all'altra secondo gli aggiornamenti o la scaletta di interventi preventivata. Celebre il rientro dalla pubblicità o dopo un disco urlando "Attenzioneeeeee!" se c'è un cambiamento di risultato importante o una squadra ha appena segnato.

Il calcio è al centro, ma si da spazio anche agli altri appuntamenti sportivi della domenica. Il tutto però non si discosta dal clock musicale di RTL, o se sfora lo fa proprio di pochissimo, quindi non perderete i grandi successi musicali trasmessi dall'emittente. Interessante vedere la puntata in radiovisione per capire come i due conduttori gestiscono i tempi, gli interventi e i passaggi da un campo all'altro.

Per quanto riguarda "Domenica sport" su Rai Radio 1, invece, entriamo completamente in un altro mondo. Innanzitutto il programma non ha orari stabiliti e giorno di messa in onda, Radio 1 segue in diretta praticamente tutti gli eventi sportivi, qualsiasi giorno della settimana e la domenica il programma inizia poco prima delle 12.30 per l'anticipo e può continuare anche ininterrottamente fino alle 23.30, con la fine del posticipo, interviste e post-partita compresi.

In studio ci sono, dalla settimana scorsa, Massimiliano Graziani per la prima parte e Paolo Zauli per la seconda, poi la linea viene lasciata a Emanuele Dotto o Filippo Corsini (solitamente) che coordinano i vari inviati dai campi della Serie A. Di solito l'incontro di cartello viene commentato da Riccardo Cucchi, tra gli altri inviati troviamo nomi importanti del giornalismo sportivo italiano tra cui Massimo Barchiesi, Niki Pandolfini, Ugo Russo, Tarcisio Mazzeo e tanti altri.

A seguire, spazio alla Lega Pro (la vecchia C1) e alla pallavolo o al basket, fino al posticipo calcistico della sera, per dare spazio anche ad altri sport ed eventi. Ovviamente sono previsti collegamenti durante la domenica pomeriggio per gran premi, motori, ciclismo e quant'altro. In questo caso non c'è musica e poco clock, quindi sarà difficile trovare interruzioni durante i momenti topici delle partite.

Pregi e difetti: posta la pari professionalità e bravura di entrambe le emittenti e dei conduttori, per quanto concerne RTL, fa difetto la copertura parziale degli eventi sportivi e le interruzioni musicali o pubblicitarie, magari proprio nel momento in cui una squadra sta per segnare o un risultato importante cambia. Il pregio invece è l'esatta conseguenza della scelta editoriale, cioè poter garantire l'ascolto di un pubblico orizzontale e non per forza appassionato e far respirare chi ascolta dalle partite con un po’ di musica, il che crea anche notevole suspense sperando che al rientro in studio la propria squadra abbia segnato.

Per la Rai invece, i difetti più grandi sono impedire l'ascolto ad una larga fascia di pubblico e quindi perdere tutti coloro che non sono fanatici di sport, oltre ad un programma un po’ più piatto e professionale, meno emozionante. Il pregio invece è sicuramente assicurare ai tifosi la messa in onda di ogni evento sportivo, con la garanzia quindi che se una palla sta rotolando Rai Radio 1 racconta quello che succede.

Vi segnalo in conclusione le pagine dedicate ai programmi di Rai Radio 1 e RTL 102.5

Cosa ne pensate? Seguite le radiocronache sportive in radio o preferite la tv? Seguite i programmi che ho segnalato? Come li giudicate?

Articolo a cura di Nicola Zaltieri