I Palinsesti Estivi in Radio

Curiosità Radiofoniche

I Palinsesti Estivi in Radio

L’estate. Per alcuni, periodo di festa e divertimento, per altri, momento di riflessione, probabili cambiamenti e lavoro. Infatti, se i mesi estivi sono in molti casi sinonimo di svago e relax totale, in altri divengono per alcuni da “trampolino di lancio” in vista del “nuovo anno”, quello sociale, a partire da settembre.

A tal proposito, nei nostri articoli abbiamo spesso affrontato la questione riguardante i cambiamenti di palinsesto o quella dei rinnovamenti di contratto che vanno a costituire il cosiddetto “radiomercato” che investe le emittenti radiofoniche proprio durante la stagione estiva. Cambiamenti che potrebbero essere paralleli magari ad un’inversione di tendenza della linea editoriale approntata per l’inizio della nuova stagione invernale. Da qui quindi la decisione di rivoluzionare lo staff artistico con nuovi inserimenti che possano dare maggiore “linfa” alla radio cercando così di accrescere la fascia d’ascolto.

Ed è proprio in estate che si potrebbero sperimentare nuove idee magari da poter consolidare all’avvio della stagione; nuovi speaker, infatti, nei mesi di luglio/ agosto potrebbero affiancare quelli già “on air” avendo così la possibilità di comprendere da subito l’organizzazione dell’emittente in termini di “clock”.

Ma la “bella stagione” per molte emittenti, soprattutto nazionali, significa fare i bagagli e trasmettere da alcune delle più belle località balneari della nazione. E’ soprattutto agosto il mese in cui si allestiscono dirette esterne con strutture mobili, costituite da regie in grado di trasmettere dalla gettonata riviera romagnola o adriatica. In questi contesti il palinsesto potrebbe variare sia nei contenuti che per quanto riguarda la conduzione, con  varie sostituzioni nel corso della giornata rispetto alla classica collocazione degli speaker.

Parallelamente alla conduzione in FM dalle spiagge italiane, lo staff di una determinata emittente potrebbe essere anche impegnato negli eventi organizzati dal comune nel quale sono ospiti. In tal caso la radio stipulerebbe una partnership che prevede anche una collaborazione nel caso di concerti o appuntamenti in generale.

E sono proprio questi eventi, realizzati con il patrocinio dei comuni, che permettono, da un lato, alle emittenti di godere di una visibilità maggiore, dall’altro di rendere partecipi i tanti ascoltatori, desiderosi di conoscere dal vivo i loro beniamini radiofonici. Giochi, interazione e divertimento per un’estate in cui la radio si afferma quale occasione di aggregazione giovanile in grado di allietare le calde serate a suon dei tipici “tormentoni” musicali facilmente canticchiabili.

Ma se vi sono emittenti radiofoniche che continuano a trasmettere in diretta anche nel corso della stagione estiva, vi sono altre radio che, concludendo la programmazione intorno alla fine di luglio, per il prosieguo dell’estate, decidono di mandare in onda la classica rotazione musicale, 24h di musica no stop in cui è probabile che venga programmato anche un successo, magari “dance”, del passato; un modo per far riecheggiare alla mente i ricordi di un’estate che probabilmente si vorrebbe rivivere. Quell’estate in cui ai caldissimi pomeriggi, faceva da contorno la voce di un determinato speaker che ci deliziava tra una canzone e un sorso di cocktail.

Articolo a cura di Maurizio Schettino