Platinette criticata dagli ascoltatori. Radio Montecarlo li censura?

Radio News

Platinette criticata dagli ascoltatori. Radio Montecarlo li censura?

Dopo aver condiviso l'articolo di Sofia Napoletano su Plati Network, il programma che Platinette conduce su Radio Montecarlo ogni mattina dopo la chiusura della sua esperienza a Radio Deejay, la passione, l'interesse dei commenti pubblicati sulla nostra pagina facebook e a margine dell’articolo stesso ci hanno fatto riflettere su quanto la questione sia di interesse per i nostri utenti e per gli ascoltatori di Radio Montecarlo.

Il Caso: Alcune centinaia di ascoltatori, fedelissimi di Radio Montecarlo, avrebbero espresso il proprio disappunto sul programma condotto da Platinette sulla fanpage della radio e invece di ottenere ascolto o risposte da parte della stessa Radio si sono visti bannati dalla pagina facebook e appellati da Platinette in diretta come “500 storditi”. Questo lo abbiamo dedotto dai commenti degli stessi utenti, Tiziana ci scrive: "Sono una dei 500 ( adesso siamo diventati più di 700) rimbambiti, come ci ha carinamente definito Platinette in diretta radiofonica, mi accodo agli altri storditi che hanno espresso qui il loro parere".

Tra le critiche principali rivolte a Platinette c’è quella di essere volgare e di affrontare argomenti troppo forti e delicati per il morning time in cui la gente spesso si trova in auto con i propri bambini mentre li accompagna a scuola. E' Marco a scrivere: ”Stamattina è stato veramente imbarazzante sentir parlare di dipendenza da sesso (con relative battutine e doppisensi) alle 8,30. UN VERO SCHIFO se si pensa che a quell'ora ci sono tanti ascoltatori che accompagnano a scuola i propri bambini. MAURIZIO TI RENDI CONTO CHE NON PUOI CONTINUARE A PORTARE IL TUO STILE DI VITA NELLE CASE DEGLI ITALIANI?”. E Patrizia continua dicendo: “Ripeto quanto scritto (e censurato nella pagina di RMC) peccato che i nel suo programma abbondino volgarità doppisensi (sinceramente che lui si sia preso le piattole nonostante l'uso del preservativo durante un viaggio in Turchia non interessa molto) e insulti alle persone che non approvano il cambio di palinsesto... NO NON MI PIACE!!!”

La critica che invece viene rivolta alla Radio di Gran Classe è di aver perso quella sua eleganza di cui ha fatto il suo “claim”, a maggior ragione se preferisce la strada della censura a quella del confronto con chi l'ha sempre ascoltata: Mario scrive: “Ma vi rendete conto che RMC è arrivata al punto di censurare i suoi ascoltatori e tra di questi pure un giornalista, ma cosa hanno nella testa? pensavano forse che gli ascoltatori avrebbero supinamente accettato di dover condividere il loro inizio di giornata con uno che parla di preservativi, piattole e sfilatini alla crema!”. E tra i commenti spunta anche quello del giornalista di cui parlava Mario, Giuseppe Genta: “Io sarei quel giornalista rompiscatole che vi ha segnalato a suo tempo quanto sta avvenendo in quella che fino a due mesi fa era la radio più CHIC del panorama radiofonico italiano. Perché mi sono preso la briga di occuparmi dei comportamenti tenuti da RMC nei confronti dei suoi ascoltatori? Semplicissimo, sono io stesso un ascoltatore di RMC da illo tempore e professionalmente mi sono sentito obbligato a portare la mia solidarietà ad un gruppo di Storditi che dall’oggi al domani sono stati sbattuti fuori dalla porta di quella che fino al giorno prima era la loro casa”.

Tra i vari ascoltatori indignati c’è Antonella che scrive: “E’ inaccettabile che un gruppo di fedeli ascoltatori venga trattato come un gruppetto di poveri isterici bigotti che non ha niente di meglio fa fare nella vita che protestare per un cambio di palinsesto. Ma scherziamo?! Siamo tutte persone serie, intelligenti e soprattutto educate che hanno democraticamente e civilmente espresso la propria opinione..ci sono battaglie piu' importanti da condurre, ma la vita e' fatta anche di piccole cose, di momenti di serenita', di sorrisi che ci fanno andare avanti. E soprattutto alla base di tutto c'e' il rispetto per le opinioni altrui ed il confronto democratico, mia cara radio ex di classe e per quanto mi riguarda, ex di tutto!”.

E Loredana ci spiega meglio com’è andata: “Per essere esatti, siamo stati bloccati sulla pagina FB di Radio Monte Carlo in quanto, a loro dire, i nostri commenti erano inopportuni e/o offenisivi. Poichè gli stessi, bloccandoci, non sono più visibili, abbiamo proposto agli admin della pagina di sbloccare i profili e confrontarci sui contenuti. Ad oggi rimaniano inascoltati. Noi protestiamo contro un palinsesto che ha relegato una SIGNORA trasmissione, ascoltabile anche dai nostri bambini, ad un orario infame (per parafrasare il nostro buon Maurizio) per sostituirla con una conduzione isterica, noiosa, volgare e davvero sì inopportuna!!!No alla CENSURA e NO alle volgarità in radio!C'è altro da dire?”

Si, ci sarebbe molto altro da aggiungere, ma prima proveremo a contattare Platinette o la direzione di Radio Montecarlo per avere la possibilità di un confronto.

Foto: http://gruppofinelco.blogspot.it/2012/09/e-stata-la-notizia-di-radiomercato.html
Fonti: Plati Network, Fanpage Radiospeaker.it