Le festività in Radio

Radio News

Le festività in Radio

“Che deserto!” , probabilmente questa l’esclamazione che diversi speaker sono soliti affermare quando entrano negli studi radiofonici durante il periodo festivo, pronti a far compagnia ai tanti ascoltatori sintonizzati.  Una situazione di isolamento però apparente.

Infatti, come abbiamo spesso riportato nei nostri articoli, il lavoro di speaker radiofonico, se per molti, estranei all’etere, può sembrare qualcosa di “semplice”, dall’altro lato richiede impegno e disponibilità, anche durante le giornate dedicate ai vari cenoni, auguri e brindisi vari.

Anzi, in giorni come quelli che stiamo vivendo, dove  relax e divertimento non mancano, la radio assume maggiormente la sua funzione principale, ovvero quella di intrattenere, facendo da contorno ai tipici momenti di festa e di spensieratezza, ovunque ci si trovi: in giro a  fare shopping o in casa a cena con gli amici.

Ed avere la passione per il mezzo significa anche voler trasmettere, parallelamente ai grandi veglioni, che si organizzano in queste giornate, dove pare sia sempre “domenica”.

I conduttori stessi amano essere “on air” proprio in questi appuntamenti dell’anno, tanto da adeguarsi agli stessi: tra giochi, con i relativi premi da mettere in palio, discussioni sul Natale ed eventi quali concerti previsti per festeggiare l’inizio del nuovo anno, in cui magari la radio è media partner; insomma, un ricco “carnet” di proposte, per rendere maggiormente calorose le fredde giornate festive.

Solitamente in questo periodo vi potrebbe essere una variazione nel palinsesto, con speaker collocati in fasce orarie a loro inconsuete rispetto alla classica programmazione o c’è chi preferisce mandare in onda una semplice rotazione musicale, mettendo in risalto le “hit” che hanno contraddistinto l’anno che ormai volge al termine.

Indubbiamente ciò che stimola maggiormente il conduttore è l’interazione con l’ascoltatore che in questi casi descrive i momenti vissuti con i propri cari, i regali ricevuti e le grandi “abbuffate” digerite! E quando si è in collegamento con una persona un po’ “fuori dal coro”, la conduzione assume sfaccettature stimolanti e prive di una rigida formalità.

Insomma, se la radio suscita divertimento da parte di chi è al microfono e intrattiene coloro che ascoltano,  in occasioni del genere tutto è amplificato, grazie  all’atmosfera speciale, a tratti magica, che si respira. La stessa presente negli studi delle varie emittenti, dove c’è spazio anche per un brindisi tra i colleghi capitanati dall’editore di turno, immancabile al suo posto per il discorso di fine anno, in cui brevemente ( si spera), traccia un bilancio dell’operato svolto, con l’augurio che nei prossimi mesi gli obiettivi fissati ad inizio stagione possano realmente concretizzarsi!

Ed è lo stesso augurio che noi di Radiospeaker. it facciamo anche alle talentuose “voci”, impazienti e desiderose di trasmettere un giorno all’interno di un prestigioso network……. perché no, pure durante la notte di San Silvestro!

Auguri.

 

Articolo a cura di Maurizio Schettino