Radio Digitale in Italia: ecco le regioni più coinvolte

Radio News

Radio Digitale in Italia: ecco le regioni più coinvolte

Il sistema di radiodiffusione digitale DAB integra la radio a banda Fm analogica, migliorandola.

La nuova tecnologia, sviluppata nell'ambito del progetto Europeo Eureka 147 Digital Audio Broadcasting (DAB) e standardizzata dal European Telecommunications Standards Institute (ETSI) , rivoluziona il mercato, offrendo contenuti esclusivi multimediali e una ricezione sicura e continua di programmi radiofonici digitali ad alta qualità.

Il servizio permette agli ascoltatori, agli editori radiofonici e agli organi governativi competenti numerosi vantaggi.

Il processo di copertura radio è ancora  in corso di definizione, ma in questi ultimi anni sono stati fatti notevoli progressi. Recentemente è stato approvato un piano di assegnazione delle frequenze per estendere il segnale anche in territorio calabrese e siciliano.

Una volta attivati i trasmettitori, sarà concessa la trasmissione in digitale anche a tante radio locali. Saranno rilasciati i diritti d’uso per le diffusioni locali e nazionali nel Lazio,  in Campania, in Basilicata, in Calabria e Sicilia (escluse le province di Enna, Caltanissetta e Ragusa). La nuova pianificazione riguarderà circa il 30% della popolazione italiana che, sommata alla copertura già in servizio, permetterà  a livello locale il servizio DAB+ a oltre il 42% dell'intera popolazione.

Attualmente però sono già coperti dal segnale circa 5.000 km della rete autostradale italiana e il Trentino Alto Adige ha una copertura quasi totale del  suo territorio, risultando la prima regione in Italia per diffusione digitale.

La frequenza di trasmissione per ogni emittente è unica su tutto il territorio nazionale ed è gestita da tre consorzi che trasmettono ciascuno un pacchetto di emittenti, ma al momento le stazioni ricevibili in Italia sono una quarantina.

Il pacchetto RAI si articola su due mux. Oltre Radio1, Radio2 e Radio3 si aggiungono i canali Radio4 Light (musica leggera), Radio5 Classic (musica classica), Radio6Teca (registrazioni di archivio del patrimonio delle Teche Rai), Radio7Live (eventi musicali e di attualità in diretta) e Radio8Opera (musica operistica). Poi ci sono i canali ordinari di servizio Isoradio e GR Parlamento.

Il consorzio Club DAB Italia riunisce altre emittenti, prevalentemente musicali come RDS, Radio Capital, M2O e Radio Deejay. Ma si inquadrano anche Radio 24, Radio Maria, Radio Radicale e la programmazione sperimentale dei sei canali KC Test.

Il consorzio EuroDAB diffonde le emittenti del gruppo RTL, ma si inseriscono anche altre radio come Radio Padania, Radio Vaticana e le radio musicali Radio Italia Solo Musica Italiana e Radio Orbital.

L'utente, in generale, può scegliere tra decine di modelli diversi a prezzi ragionevoli per la Digital radio in casa, ma la ricezione in mobilità consente di ottenere i maggiori vantaggi rispetto all'FM. Tuttavia molte automobili non offrono ancora il DAB di serie.

Per noi radiofonici la vera novità da appassionati resta la nuova radio digitale Pop Midi di Pure serigrafata Radio Deejay.

Articolo a cura di Nicoletta Zampano