Una Radio per la Libertà della Libia

Radio News

Una Radio per la Libertà della Libia

Da sempre la radio è stata testimone e divulgatrice di notizie che hanno riguardato grandi eventi storici ed è proprio in queste ore, che ancora una volta, diviene protagonista di ciò che sta accadendo in Libia.

Un paese vittima di un regime autoritario, dove la libertà, compresa quella di informazione, non sono mai esistite se non in una forma strettamente antidemocratica. Un popolo, quello libico che sta combattendo per la conquista di quelli che sono diritti fondamentali dell'essere umano.

Ribelli contro sostenitori di quel regime capeggiato da colui che fino a poche ore fa ancora si proclamava “leader maximo” di quel paese : “Gheddafi”. Una lotta che si protrae da diversi mesi in maniera più strenua e che da ieri sera ha visto i ribelli conquistare per gran parte la capitale Tripoli.

Radio, giornali e tv di tutto il mondo sono tesi a fornire notizie sempre più approfondite di ora in ora, ma è proprio dal cuore del conflitto che arriva un chiaro segno di quella che è la volontà di comunicare e di rendersi liberi dai vincoli di un regime ormai esploso: i ribelli lanciano una radio e accusano il regime di Gheddafi di eccidi.

Sulla nuova emittente verranno diffuse le registrazioni delle conversazioni tra i militari dell'esercito di Gheddafi che parlano di esecuzioni sommarie dei manifestanti anti regime. "Diffonderemo un bollettino di informazioni ogni 15 minuti", sostengono i ribelli in un comunicato. Stazioni radio ed emittenti tv, nonché un aeroporto sarebbero in mano al popolo libico.

Sarà il primo passo per una futura informazione democratica? E che cosa accadrà nel dopo Gheddafi?

Articolo a cura di Catia Demonte