Radio Milano International: la prima radio libera italiana

Radio News

Radio Milano International: la prima radio libera italiana

Il 10 marzo è una data segnata in rosso sul calendario di ogni vero appassionato di Radio. Correva l’anno 1975 infatti quando a Milano in data 10 marzo nasceva Radio Milano International, la prima radio libera italiana sulla frequenza 101.000 MHz.

I fondatori di questa storica emittente, destinata ad un grande successo, furono quattro ragazzi di circa 20 anni con le tasche piene di sogni e il cuore stracolmo di passione: i fratelli Angelo e Rino Borra e i fratelli Piero e Nino Cozzi.

Il panorama radiofonico italiano era all’epoca dominato dalla Rai e i programmi radiofonici in sintonia con lo spirito giovanile erano pochi. Angelo e Rino Borra insieme a Piero e Nino Cozzi, determinati a realizzare il loro sogno, fare radio, riuscirono a procurarsi gli strumenti necessari (un trasmettitore utilizzato durante la seconda guerra mondiale) scelsero la camera di Piero come luogo da cui trasmettere e per andare in onda utilizzarono esclusivamente i dischi di loro proprietà e le loro voci.

In breve tempo, grazie al tam-tam del passaparola, il fenomeno di Radio Milano International era conosciutissimo. Se ne parlava nei bar, nelle piazze e lungo le strade al punto che anche la stampa si interessò al fenomeno.

Il nome scelto, Radio Milano International, non era ovviamente casuale ma rappresentava un richiamo alle radio libere straniere, a cui i giovani fondatori rivolgevano lo sguardo, e simboleggiava il loro appoggio all’internazionalizzazione della musica. RMI fu una novità esplosiva che riuscì a rompere il monopolio della Rai e ad inaugurare il processo di liberalizzazione delle trasmissioni via etere.

Il fenomeno Radio Milano International ebbe una portata tale che il 14 aprile la polizia chiuse gli studi dell’emittente ma i giovani fondatori non si arresero, fecero ricorso e infine vinsero. Gli apparecchi furono quindi riportati al loro posto e Radio Milano International riprese le trasmissioni. Da lì alla famosa svolta del 28 luglio 1976 il passo fu breve. In questa data infatti la Consulta dichiarò legittime le emittenti locali.

Una delle maggiori novità della storica radio fu rappresentata dal motto “No stop music” per descrivere la messa in onda 24 ore su 24. All’epoca gli amanti della radio rimasti fuori dai confini della Rai varcavano con la loro valigia di sogni e aspirazioni le porte di Radio Milano International, in via Locatelli, e davano sfogo alla loro passione e al loro talento. Radio Milano International si distinse per il suo stile fresco, spontaneo, giovane e spesso basato sull’improvvisazione senza schemi scritti.

Tra i tanti e celebri personaggi che contribuirono al successo di Radio Milano International ricordiamo Leonardo Re Cecconi (1 settembre 1954- 22 gennaio 2004. Radiospeaker.it lo ha recentemente ricordato qui:  http://www.radiospeaker.it/blog/leopardo-re-cicconi.html ) Leonardo Re Cecconi divenne presto l’idolo di migliaia di ragazzi che lo impararono a conoscere come Leopardo. Come spesso accade, dietro questo soprannome si nasconde una storia divertente. Leonardo indossava in quegli anni un giubbotto con un leopardo disegnato sulla manica (un capo di abbigliamento animalista con la scritta “ don’t kill the animal”). Una sera arrivò a Radio Milano International Loredana Bertè che iniziò a chiamarlo Leopardo… Il giorno dopo i colleghi lo ribattezzarono Leopardo e venne inciso per lui un jingle con un ruggito che, associato alla sua R moscia, diventò leggendario.

Radio Milano International imboccò presto la strada del successo. Nel 1986 si poteva ascoltare in tutta Italia e nel 1988 si trasformò in Radio 101 Network, nome che negli anni ’90 sarà trasformato in One O One e nel 1990 Radio 101.

Nei primi anni del 2000 la radio affrontò un periodo difficile che durò fino al 2005, l’anno in cui avvenne il passaggio di proprietà alla Mondadori e in cui fu battezzata come R101.

Questo breve articolo è un piccolo omaggio alla storica emittente radiofonica nata a Milano e ci siamo soffermati poco per scelta sulla sua storia recente dando maggiore risalto ai suoi storici inizi. Ora ci farebbe piacere ricevere il contributo di voi radioamatori: avete ricordi o aneddoti legati a Radio Milano International?

Articolo a cura di Eleonora Corgiolu