Radio Rock, FESTIVàL: le canzoni degli ascoltatori

Radio News

Radio Rock, FESTIVàL: le canzoni degli ascoltatori

A volte è proprio vero che le idee migliori nascono da cose semplici. Possiamo perdere giorni, settimane,mesi a cercare qualcosa di interessante da proporre o da trasmettere, ma alla fine la semplicità vince sempre. Tutto diventa ancora più facile quando a essere coinvolti sono gli ascoltatori stessi, quelli che tra loro hanno dei sogni nel cassetto, magari da cantanti mancati o aspiranti tali.

Nel periodo in cui l'unico modo per emergere, musicalmente parlando, è partecipare ad un talent, sperare che si crei attenzione intorno al proprio personaggio e vendere i dischi, realizzando il sogno di una vita. È forse finita anche l'epoca in cui gli stessi artisti giravano per le case discografiche e le radio a proporre i loro pezzi e quello che avevano creato, sperando in un ascolto da parte di chi radiofonicamente contava e un passaggio nel palinsesto dell'emittente.

In alcuni casi è successo che un po’ di fortuna è arrivata, ma ora ci sono di mezzo le case discografiche che piazzano i cantanti da loro promossi e l'iniziativa del singolo difficilmente viene premiata. Tutto questo lungo incipit, per dire che qualcuno tenta di tornare all'antico, qualcuno dà ancora la possibilità di farsi sentire e la speranza di riuscire a farsi conoscere.

Stiamo parlando di Radio Rock,emittente romana, che durante la settimana di Sanremo, propone il suo personalissimo FESTIVàL (spostando volutamente l'accento sull'ultima sillaba) e permette agli ascoltatori che hanno una canzone nel cassetto, di presentarsi e farla ascoltare.

Le modalità sono molto semplici: da un paio di settimane gli speaker della radio hanno chiesto ai loro ascoltatori di consegnare i brani inediti che avevano direttamente negli studi della radio, con la promessa di trasmetterli durante questa settimana con uno spazio dedicato.

La risposta è stata molto forte, infatti circa 150 persone sono andate negli studi di Radio Rock per consegnare il loro cd, il loro sogno da cantanti. Ha aiutato il fatto che l'emittente non aveva imposto limiti di età, genere musicale, lingua dei brani e numero di musicisti nel caso di un gruppo, per cui il materiale che è arrivato è stato molto variegato: dal giovane che cerca di emergere, ad una persona un po’ più adulta, che magari da tempo aveva una canzone nel cassetto e ha trovato il coraggio per presentarla, o semplicemente a chi ha tentato sperando di fare centro.

La radio dal canto suo ha confezionato un programma quotidiano serale dedicato al FESTIVàL, infatti da oggi fino a sabato 18 febbraio dalle 21 alle 24 sarà possibile sentire le canzoni inviate. Tra l'altro un aggiornamento sul sito della radio comunica che vista la mole di materiale ricevuto, per aver l'opportunità di sentire tutte le canzoni si andrà anche oltre l'orario previsto delle 24. Questo spazio sarà condotto dagli stessi speaker dell'emittente, che si alterneranno nel corso delle serate e potranno decidere, a loro insindacabile giudizio, di premiare una o più performance.

In più la partecipazione in studio di ospiti e alcune performance live, commenti sui brani e discussioni a carattere musicale animeranno le ore di diretta.

Come già detto nel mio incipit, l'idea è nata quasi per gioco fino a diventare poi un appuntamento, come succede ai progetti azzeccati che riscuotono successo e trovano l'approvazione del pubblico, in quanto vetrina per chi non ha grandi possibilità di farsi notare.

Personalmente credo che il premio, il vincitore, in questo caso non sia rilevante. Come si legge nel documento che presenta l'evento, è la musica indipendente ad aver vinto, senza competizione. Aggiungerei qualcosa in più, vince il fatto che esistono delle iniziative che tengono in considerazione gli artisti emergenti,comprendono le difficoltà che essi trovano al giorno d'oggi per promuoversi e soprattutto vince un concorso fatto senza limitazioni, senza discriminazioni dovute al Curriculum, alle conoscenze ecc.

Sicuramente non vi sarà spazio per tutti, ma 150 persone hanno sentito una loro canzone su Radio Rock ed è un gran bel traguardo. Appoggiando con forza queste iniziative, vi ricordo l'appuntamento, ogni giorno dalle 21 alle 24 e oltre, quando gli speaker trasmetteranno tutti i brani ricevuti.

Radio Rock si può sentire nella zona di Roma sulle frequenze FM 106.6 e per tutti sul sito radiorock.it grazie allo streaming. Buon ascolto e sosteniamo la musica emergente!

Articolo a cura di Nicola Zaltieri