Radio Wa: l'Emittente che Salva i Bambini Soldato

Radio News

Radio Wa: l'Emittente che Salva i Bambini Soldato

La radio, l’emittenza radiofonica, nella maggior parte del mondo, o almeno nei cosiddetti paesi occidentali viene utilizzata molto spesso come forma d’intrattenimento. Musica, talk breve su curiosità, un po’ di news, una paio di notizie sportive, traffico: questo è generalmente il clock di una radio privata.

Questo fortissimo strumento di comunicazione, però, può avere fini diversi. Può, come nel caso di Radio Wa, salvare bambini.

Nel nord dell’Uganda, infatti, la Diocesi di Lira, attraverso un programma radiofonico dedicato all’infanzia “Karibu” (“Benvenuto”), trasmette diversi messaggi che hanno il compito di invogliare i bambini soldato a ritornare a casa dalle proprie famiglie. I messaggi sono rivolti a coloro che sono stati sequestrati dai Ribelli dell’Esercito di Resistenza del Signore per essere impegnati in conflitti come soldati.

Tra le peculiarità di questo programma, c’è la presenza di ex bambini soldato che parlano della loro, nuova, vita e invitano gli altri a scappare e a imitarli nel loro nuovo percorso. L’impegno è stato premiato e sono più di 1500 sono fuggiti dalla prigionia. Radio Wa si è attivata molto per dare loro una vita diversa, lontana dai fucili, dalle uccisioni. La sua opera continua nonostante i ribelli abbiamo cercato di distruggere l’antenna trasmittente ma non ci sono riusciti.

Radio Wa fa anche altro. Ogni settimana trasmette una radionovela in cui si affrontano temi importanti e delicati come l’Aids, la violenza domestica, il matrimonio, la famiglia, l’alcolismo, il ritorno dia campi di rifugiati, l’inizio di una nuova vita dopo la guerra e la ricerca della conciliazione. Trasmette in un raggio di 200 chilometri anche se l’attrezzatura a disposizione non è la più moderna, tutt’altro.

L’associazione internazionale “Aiuto alla Chiesa che Soffre” offre il suo contributo per migliorare le attrezzature dell’emittente e la formazione dei collaboratori. Radio Wa è il chiaro esempio come il ruolo della radio non è solo quello di intrattenere, ma anche quello di contribuire per lo sviluppo di una società migliore.

Il compito della radio, essendo un mezzo di comunicazione di massa, è promuovere la solidarietà, lo spirito di aggregazione. Svolge la funzione di educatrice sociale cosa che, ormai, non si vede più e che nessuno ricorda, ma è un ruolo che, nel nostro paese, ha ricoperto nella fase pre-avvento della televisione. Ha perso questa caratteristica con il passare dei decenni con l’avvento dei nuovi media. Il suo tentativo di mettersi in concorrenza con gli altri mezzi di comunicazione, ha portato ad una sua omologazione con essi, per contenuti e per concetti.

L’esempio di Radio Wa potrebbe far aprire gli occhi un po’ a tutto il mondo occidentale, per far riscoprire e dare un nuovo volto all’emittenza radiofonica, attraverso il quale costruirsi un futuro alternativo e in controtendenza rispetto agli altri media.

Articolo a cura di Giuseppe Opromolla