Melania Agrimano, ex allieva di Radiospeaker, vince RDS Academy

Radio News

Melania Agrimano, ex allieva di Radiospeaker, vince RDS Academy

Una grande gioia, una stupenda soddisfazione per noi e per la vincitrice della seconda edizione di RDS Academy, il programma televisivo per aspiranti radiofonici che nelle ultime settimane ha visto gareggiare “on air” i fortunati scelti tra la miriade di candidature giunte nei mesi scorsi al cospetto della commissione capitanata da Anna Pettinelli con al suo fianco Matteo Maffucci, conferma di quest’anno e la new entry rappresentata dall’irriverente Giuseppe Cruciani alla vigilia della sua nuova avventura, quella a Radio Deejay.

Tante prove al microfono a suon di “talk” per i provetti speaker, divisi tra il satellite (“Sky”) e il digitale terrestre ( “Cielo”) dove hanno dato sfogo della propria passione,  a cui difficilmente si può rinunciare!

Ma nel corso della finale, tra tensione ed emozioni a gogo, anche con giudici d’eccezione, vedi Tiziano Ferro, ad avere la meglio è stata lei, la torinese  Melania Agrimano, la nuova voce di RDS, raggiante con il suo sorriso, come si evince dalle foto pubblicate sul profilo Facebook dell’emittente, che la ritraggono insieme a tutto lo staff, felice per il raggiungimento di un sogno, tanto ambito e sudato.

E per noi di Radiospeaker.it, il piacere è doppio, avendo avuto la possibilità di conoscere Melania non molto tempo fa, proprio in uno dei nostri corsi di conduzione radiofonica dove sin da subito abbiamo notato le potenzialità che di lì a poco avrebbe saputo esprimere, cosi come ha fatto dinanzi ai giudici di qualità di RDS che fino alla fine hanno saputo premiarla, riconoscendole il merito di entrare in squadra!

Con l’augurio di averla presto ai nostri microfoni per un’intervista in cui poterci descrivere le emozioni provate a pochi giorni dalla proclamazione, le facciamo i più sentiti complimenti e un forte in bocca al lupo per l’inizio di questa sua nuova avventura  che possa essere sempre in salita!

AUGURI MELANIA!

 

 

Articolo a cura di Maurizio Schettino