Le difficoltà nel realizzare interviste nelle radio locali

Curiosità Radiofoniche

Le difficoltà nel realizzare interviste nelle radio locali

Quando si ascolta un’intervista in un network difficilmente si rimane delusi, anche perché spesso questa viene organizzata nei minimi dettagli non solo da chi dovrà condurla ma anche da coloro che compongono la cosiddetta “redazione” del programma.

Molto diversa è invece la situazione per chi “milita” nelle radio locali, in quanto sono parecchie le difficoltà che bisogna saper affrontare, soprattutto quando capita l’occasione di realizzare interviste live (o telefoniche) ad artisti di vario genere.

Quello che ho provato a fare, basandomi anche sull’esperienza personale, è stendere una sorta di “breve resoconto” delle maggiori difficoltà che si possono incontrare in queste occasioni.

L’interlocutore con cui si comunica per l’organizzazione. Questo non vuol essere un atto di accusa nei confronti di agenti e/o manager che promuovono un determinato artista perché a onore del vero, spesso a peccare di superficialità e poca professionalità sono le persone della radio che si occupano di gestire e realizzare le interviste. E’ però doveroso sottolineare che altrettanto frequentemente, proprio perché l’emittente non è “di primo piano”, la richiesta di un’intervista giunge agli addetti ai lavori all’ultimo momento, per non parlare del fatto che a volte le informazioni relative ad un artista (magari non proprio conosciutissimo) non vengono neppure fornite. Insomma, si ha la sensazione che esistano categorie di radio di “serie A” e di “serie B”.

L’intervista telefonica. Spesso a chi conduce un programma in una piccola radio vengono proposte delle telefoniche con tutti i rischi che queste ultime possono implicare, che vanno dalla difficoltà di raggiungere l’artista (che magari dimentica questo appuntamento) a quella di riuscire a stabilire un collegamento che garantisca una buona qualità audio per chi è all’ascolto (perché il soggetto in questione si sta spostando in macchina, per esempio).

La personalità dell’artista. Sia esso più o meno famoso, così come sono molti i soggetti assolutamente umili e disponibili ad una chiacchierata, altrettanti sono quelli abbastanza difficili da “gestire” perché danno risposte sibilline oppure, al contrario, perché non smetterebbero mai di parlare.

La gestione dell’intervista da parte di chi fa il programma. Spesso ci si dimentica che chi trasmette da una piccola radio, pur potendoci mettere tutta la passione del mondo, ha alcuni limiti dettati dalle circostanze. Per esempio, non potendo fare lo speaker di lavoro o per professione, si trova a dover preparare un’intervista nei ritagli di tempo, il tutto senza una redazione e dovendosi spesso occupare direttamente anche della parte organizzativa.

Dopo aver enunciato le maggiori difficoltà che si possono incontrare nel realizzare delle interviste in una radio locale, non voglio scoraggiare appassionati come me dal farle durante il proprio programma, semplicemente vorrei motivarli e dirgli di mettercela tutta, perché queste difficoltà non sono altro che un’ottima gavetta per imparare davvero molto in questo campo. Ma voi che per lavoro o per passione fate parte del mondo della radio, quali ostacoli riscontrate nell’organizzare e realizzare delle interviste?

 

Articolo a cura di Mattia Savioni