RTL 102.5 agli Europei di Calcio

Radio News

RTL 102.5 agli Europei di Calcio

Non si ferma lo sport su Rtl 102.5. L’emittente di Viale Piemonte si conferma leader del marcato dei diritti sportivi della radiofonia privata. Il calcio, ormai, è diventato di casa negli studi di Rtl. Già nel 2008 aveva acquistato i diritti a trasmettere le partite del campionato europeo disputato in Austria e Svizzera. Nel 2010 un altro passo in avanti era stato realizzato con l’acquisizione, per la prima volta assoluta nella storia della radiofonia privata, dei diritti per le radiocronache dei Mondiali di Calcio in Sudafrica. Il commento delle partite che si giocavano alle 16 e alle 20.30 era affidato al programma “Noi dire Gol”, affidato alla Gialappa’s Band.

Quale miglior modo, se non acquisire i diritti per le radiocronache delle partite dei prossimi Europei di calcio, per chiudere un quadriennio in cui l’emittente di Cologno Monzese ha dimostrato impegno, dedizione, passione e capacità nell’offrire ai propri radioascoltatori un modo diverso di raccontare il calcio, in aperta concorrenza con il modus operandi delle storiche trasmissioni Rai. Rtl 102.5 seguirà tutti gli incontri dell’Europeo che si disputerà dall’8 giugno al 1 luglio 2012 in Polonia e Ucraina.
Sedici squadre che si sfideranno per scalzare dal trono di campione le”furie rosse” della Spagna. Il direttore responsabile di Rtl, Luigi Tornari, dopo aver concluso la trattativa privata con l’UEFA ha dichiarato di essere molto orgoglioso di aver raggiunto questo traguardo. “Sarà quindi, per noi, un grande impegno editoriale nel solco della continuità di questi ultimi dieci anni sul versante dell’acquisizione dei diritti degli eventi sportivi più importanti”. Tra gli impegni internazionali che l’emittente ha seguito nell’ultimo anno, ci sono: le finali di Champions League, la Supercoppa Europea e il Mondiale per Club 2010.

L’unica nota stonata, se così possiamo dire, riguarda la natura dell’accordo. Rtl 102.5 potrà trasmettere le radiocronache delle gare ma i diritti sono stati acquistati non in esclusiva. Che cosa significa? Lo spieghiamo con un esempio. La Rai ha acquistato dalla Uefa i diritti IN ESCLUSIVA per trasmettere tutte le partite in tv degli Europei: l’emittente della tv di Stato sarà l’unica a trasmettere in diretta le gare degli europei. Questo significa vantaggi in termini pubblicitari e di ascolti. Nel caso dei diritti  NON IN ESCLUSIVA questi vantaggi vengono a decadere poiché ci sono più soggetti concorrenti.

Articolo di Giuseppe Opromolla