RTL102.5 : Da gennaio Onorevole Dj con Emanuele Filiberto

Radio News

RTL102.5 : Da gennaio Onorevole Dj con Emanuele Filiberto

Perciò essere onorati, amati, o temuti da molti, è onorevole, in quanto sono argomenti di potere. Essere onorati da pochi o da nessuno è disonorevole” (stralcio sull’ Onorevole, tratto da “Leviatano” di Thomas Hobbes)

L’emittente Rtl102.5 cavalca ancora una volta l’onda del successo con un trio di assi da prima pagina: Pierluigi Diaco, Gabriele Galeotti in arte Conte Galè e la “new entry” principesca Emanuele Filiberto di Savoia.

Che cosa crea insieme un gruppo così disomogeneo? Secondo il fine giornalista Pierluigi al comando della nave ammiraglia notturna, si genera ironicamente la versione “mucca assassina” che per associazione logica potrebbe ricordare anche la famosa malattia virale ribattezzata “mucca pazza” ma , nella reale intenzione delle parti, sta ad indicare semplicemente una nota discoteca romana che fa il verso alla festa gay più popolare in Italia. Queste le parole di imbarazzo e sorpresa del Conte Galè a riguardo “questa storia della Mucca assassina la si deve spiegare perché nel resto d’Italia non tutti conoscono il Mucca assassina….è un locale un po’ particolare di Roma dove c’è di tutto e di più…”

Ma partiamo dal principio, Pierluigi conduce dal 2006 la trasmissione targata “Onorevole Dj” in coppia con la speaker campana Jolanda Granato su Rtl 102.5. A questa versione si sono aggiunti sul canale ultimamente altri “programmi” dallo stesso titolo inequivocabile: prima Onorevole Dj di notte e Onorevole dj- Radio Costanzo Show, poi, dal 9 gennaio scorso Onorevole Dj- Signoria Vostra con il trio scoppiettante.

Ricordiamo che il programma “Onorevole Dj” nasce come primo talk show radiofonico notturno allo scopo di intrattenere in modo intelligente, spregiudicato e irriverente il pubblico della notte dalle 23 in poi.

Nella prima attesissima puntata del 9 gennaio di quest’anno, abbiamo inquadrato già i tre ruoli chiave del trio che sono giocati in modo ironico, scherzoso, leggero e ammiccante: Pierluigi il maestro e conduttore portante del programma, l’elegante Conte Galè, fedele co-conduttore dal profilo misterioso e fuori dalla norma e il terzo “giochista” l’opinionista nobile Emanuele Filiberto che, tra il serio e il faceto, fa da spalla divertita ai due.

Ripercorrendo il registro della trasmissione dal nastro di partenza in poi ci restano impresse alcune considerazioni iniziali: Il conduttore Pierluigi che inizia la prima puntata sentenziando “Le pagelle le daranno gli ascoltatori”, l’opinionista Emanuele che spiega in modo semplice cosa significaSignoria Vostra con queste parole “Vabbè è l’alto e il basso, l’onorevole Dj diciamo sei tu(Pierluigi) e Signoria Vostra che è quella degli ascoltatori…siamo noi, l’alto e il basso della casa, chi comanda e chi serve” e il fedele Conte Galè che conclude argutamente “Lei (Pierluigi) è la figura del maggiordomo…come tale deve imbastire tutto nella casa”

Questo è solo l’inizio di un’iperbole in crescendo che scalda l’ascoltatore, stuzzicandolo con fine ironia. Visionando finora con attenzione tutte le puntate del bel trio di conduttori “onorevoli” viene alla luce una graziosa e semplice favoletta: “ C’era una volta un Re burbero ma dal grande cuore che viveva in un castello dorato pieno di specchi e leccornie varie , attorniato da una meravigliosa corte che lo seguiva con affezione per la sua brillante e gentile arte oratoria. Tutti i cortigiani erano incantati anche dalle sue due deliziose mogli: Una, fedele e povera, l’altra ribelle e ricca. Il Re aveva un bel dire, ma doveva stare attento alle sue due principesse, alleate per gusto e diletto che, spesso, gli recavano molte preoccupazioni. L’incanto magico del Regno si fondava sulla saggezza popolare che rendeva il Re e le sue due mogli, molto amati e ben voluti da tutto il popolo…..”

Questo principio di fiaba può indicare con ironia semplice il “movie radio planet” del programma con tutte le sue sfaccettature, a volte, anche allusive. Soprattutto, ascoltandolo, si realizza che Rtl102.5 con “Onorevole Dj” diventa una “Personality Radio”. La struttura base del salottino reale si sostanzia in alcuni “ingredienti” che rendono la conversazione serale più intrigante e fantasiosa come trasgressione, ringiovanimento, eleganza, cucinare al maschile, gossip, confronto tra San Valentino e San Faustino ed è solo l’inizio dei festeggiamenti serali.

L’ ingrediente scelto per il debutto è stato la trasgressione appunto. Un argomento che desta l’immaginario comune e porta l’ascoltatore anche a riflettere sul senso della vita. La trasmissione, in ogni singola puntata, si fa godere in un clima acceso e in alcuni casi piccante. Si inquadra subito il ruolo da opinionista di Emanuele che, fin dalla prima domanda autorevole di Pierluigi, viene incalzato a dire la sua su tutto.

Fin dall’inizio si sottolinea l’internazionalizzazione della trasmissione radio che con il principe “zingaro” Filiberto ha un filo diretto con Montecarlo e in alcuni casi con Los Angeles. Tra l’altro Emanuele non scherza e il programma ruota sul suo personaggio fin dal primo girone. L’effetto “Emanuele-revolver” parte a scacchiera fin dal debutto con espressioni del tipo: “Già non ho capito quattro parole di quello che hai detto (Pierluigi), se hai un dizionario italiano-francese…” E poi continua sul valore della trasgressione “Ma sicuramente ognuno ha un giardino segreto, noi dobbiamo mantenere le cose dentro di noi e le nostre trasgressioni, qualcuna devono rimanere però” fino ad infuocarsi con l’oracolo “ la trasgressione è abbastanza intellettuale…”

L’italianità di Emanuele si avverte già alla fine della prima puntata dove canta con la chitarra, in versione rivisitata, la sua canzone sanremese “Italia amore mio”.

Nel corso delle varie puntate scopriamo anche il rapporto di fratellanza che lega i conduttori grazie alla canzonatura di Pierluigi “Io ed Emanuele siamo amici, ci vogliamo molto bene e questo va detto, poi evidentemente durante la trasmissione tiriamo fuori delle parti di noi che in privato assumono significati ancora più profondi…” Ma il bello del programma arriva verso la fine della seconda puntata.

Alla domanda “che succede da quelle parti a Montecarlo?” Emanuele risponde spensierato “si balla, si balla, sto dando degli indirizzi al nostro tecnico( il tecnico del suono) che stasera vuole uscire(…) stasera dopo la radio, mica adesso…adesso mi deve assistere(…)ti mandiamo delle foto…”A questo punto anche Pierluigi si apre agli ascoltatori, invitando Emanuele a raccontare il dopo-onorevole Dj perché in fondo dopo la radio c’è molto altro “Siamo andati in un piano bar…oggi e adesso dobbiamo congratularci con Sorrentino( il regista)perché la Grande bellezza è nominata agli Oscar….quello che abbiamo vissuto noi è esattamente quello che ha vissuto l’eroe della Grande bellezza” e il Conte Galè conclude “E’ vero Emanuele…perché quel locale somigliava moltissimo al locale del film del padre del personaggio della Ferilli” Insomma un viaggio nel viaggio, dove realtà e sogno si confondono anche grazie ai racconti inaspettati di vita degli stessi conduttori.

La terza puntata, dedicata all’eleganza, ci porta direttamente negli studi radiofonici californiani di KiisFm dove ritroviamo un Emanuele divertito e fanciullino che spiega così il luogo cioè la radio dove si trovac’è il sole dietro, ci sono dei surf, ci sono delle donne nude, c’è di tutto qua a Los Angeles, la città dove tutto è permesso e siamo negli studi di Kiisfm di Ryan Seacrest …” Nella quarta puntata veniamo a scoprire un altro lato umano di Emanuele “Cucino di sera per le mie bimbe. Questa sera ho cucinato un po’ di brodo con del pollo con un po’ di verdure perché devono sempre mangiare le verdure perché devono crescere(…)A casa mia madre non ha mai cucinato, mia nonna neanche, mio padre cucina bene…” Ma il bello della diretta arriva dopo, quando Emanuele sorpreso dalla buona arte oratoria da “improvvisatori” di Pierluigi e il Conte, esclama“L’avete pensata… questo nel frattempo…” con pronta risposta del “maestro” Diaco che riprende stizzito “A differenza di te, non ci dobbiamo organizzare, siamo autori di noi stessi”

Questa breve riflessione che viene, prontamente, ammansita dal buono e fedele moderatore Galè, ci ricorda quanto sia importante e necessario possedere in radio “l’arte dell’improvvisazione” perché non tutto può essere “preparato a priori” prima di una diretta. Ma i “tre dell’Ave Maria” si scatenano ancora di più nella puntata “gossipara”, dedicata al pettegolezzo e ai rumors. Sulla questione delicata Emanuele sottolinea fin dall’inizio “Emanuele è contrario totalmente a tutto quello che è gossip perché tutto quello che è gossip per me è infondato, è un pettegolo non interessante che non ti porta a niente ed io trovo che bisogna fare molta attenzione perché ci sono persone che sono qualche volta più deboli di noi…che possono essere molto ferite dal gossip” E poi, in un crescendo continuo di puntata in puntata Pierluigi ci snocciola anche il primo incontro con Emanuele, tanto per ravvivare il gossip “Devi sapere che io ed Emanuele ci siamo conosciuti, per la prima volta, in varie occasioni, ma abbiamo fatto i giudici in un programma che si chiama Il ballo delle debuttanti….debuttavo in società e la mia damigella era Emanuele Filiberto, tutto questo su canale5 con la conduzione di Rita Dalla Chiesa, non ti dico dopo la diretta cosa accadeva nelle nostre nottate, te lo lascio immaginare Conte…” Sorprendentemente scopriamo in seguito anche il lato romantico e riflessivo di Filiberto: “…molti dicono che non c’è bisogno dell’occasione per festeggiare l’amore, l’amore deve essere festeggiato ogni giorno, te lo dice una persona sposata da più di dieci anni, l’amore devi liberamente festeggiarlo ogni giorno perché altrimenti più di 2…3 anni non rimane, bisogna tenere la fiamma accesa…” E tra “Santo” ricco e “Santo” povero anche l’amore viene celebrato “elegantemente” su Rtl102.5 per la puntata sulle coppie e sui single.

E tra le domande barzelletta di Emanuele e gli sfottò familiari dei conduttori il programma sorride e fa sorridere sempre. Siamo sicuri che il trio da “noblesse” vince radiofonicamente con la sua professionalità burlesca ed Emanuele ci convince molto di più in radio che in televisione. La radio potrebbe essere il suo futuro professionale? Voi cosa ne pensate del Principe Filiberto su Rtl102.5?

Articolo a cura di Nicoletta Zampano