La Siria riparte dalla Radio

Radio News

La Siria riparte dalla Radio

Hawa Smart è l’unica radio libera dell’opposizione che trasmette in Siria un messaggio di pace e speranza in un futuro migliore. In Siria continua infatti una drammatica guerra, iniziata nel marzo 2011, quando si verificarono le prime manifestazioni anti-regime contro il presidente Assad.

Il nome della radio ha in significato molto preciso: Hawa infatti significa onda mentre Smart è un acronimo per Syrian Media Action Revolution Team. Comprende 4 emittenti, 12 riviste, 1 agenzia stampa e 1 centro produzione video e vi lavorano soprattutto donne. Trasmette su frequenze medie e si può ascoltare da Aleppo a Damasco.

Hawa Smart, finanziata dal ministero francese per i diritti delle donne e da Ong “une radio pour la paix”, si pone l’obiettivo di fare informazione indipendente e cerca di rappresentare le diverse comunità del Paese. La radio fa da cerniera tra il citizen journalism ( rappresentato dal flusso di notizie che arrivano da ogni luogo della Siria) e il giornalismo classico, con corrispondenti dai luoghi più remoti del Paese, che rimangono spesso lontani dai riflettori dei grandi media. La redazione della radio è stata allestita all’interno di un piccolo appartamento di Gazientep, dove lavorano fianco a fianco oppositori di Assad ma anche fazioni islamiche che combattono contro il regime.

Zoya Bostan, tra i maggiori promotori di Hawa Smart, ha dichiarato: “Stiamo costruendo la nuova Siria. Qui tutti devono lavorare mano nella mano per un obiettivo comune”. Bostan inoltre cura anche una trasmissione dedicata alle donne siriane vittime di abusi e violenze.

Articolo a cura di Eleonora Corgiolu