Stelle Cadenti in Radio: come ascoltarle?

Curiosità Radiofoniche

Stelle Cadenti in Radio: come ascoltarle?

La notte di San Lorenzo, accendi la radio ed esprimi un desiderio. In questo mese di agosto la terra sta attraversando lo sciame meteorico delle Perseidi, note anche come “Lacrime di san Lorenzo”. Il fenomeno si origina quando la terra orbita attraverso la coda della cometa Swift-Tuttle, scoperta nel 1862 e responsabile proprio dello sciame di San Lorenzo. Al momento del passaggio, le particelle precipitano nella nostra atmosfera ad una velocità di sessanta chilometri al secondo: l’energia associata alla polvere illumina il gas che circonda la meteora, permettendo a noi terrestri che stiamo con il naso all’insù di goderci lo spettacolo delle scie luminose che attraversano il cielo.

“Ecco, l’ho vista!” esultiamo entusiasti con il dito puntato verso la volta stellata quando, dopo un lungo appostamento, riusciamo finalmente a vedere una, luminosa e preziosa, stella cadente. E quando questo succede, un sorriso immancabilmente affiora sulle labbra e, ammettiamolo, esprimiamo anche un desiderio (che tanto non costa niente!).

Tutto questo però è messo a rischio da nuvole che oscurano il cielo o improvvisi acquazzoni del mese di Agosto. Siete tra quelli che, con la scusa della notte di San Lorenzo, progettate serate romantiche che il brutto tempo mette a rischio? Non perdete le speranze! La radio si rivela anche in questa occasione la nostra migliore amica, come ci rivela l’articolo pubblicato sul sito di Media Inaf, Notiziario On line dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

E’ infatti possibile “sentire” le stelle cadenti anziché vederle. Come? Sedendosi comodamente in macchina e accendendo la radio. Infatti, quando le meteore attraversano la nostra atmosfera creano delle scie di gas ionizzato, oltre che molto luminose. I segnali radio riescono a rimbalzare contro queste scie e in questo modo possono percorrere distanze più grandi di quanto farebbero normalmente.

Per sentire “cadere” una stella occorre sintonizzare la propria autoradio ( o qualsiasi radioricevitore) su una stazione commerciale che trasmetta in modulazione di frequenza (FM) che normalmente non siamo in grado di ricevere nella nostra zona perché troppo distante (le onde FM infatti non seguono la curvatura terrestre e quindi non coprono grandi distanze).  Per esempio, possiamo sintonizzare la radio su una emittente locale che trasmette da più di mille chilometri di distanza da noi( basta scegliere una radio di una città abbastanza distante da dove noi ci troviamo e controllare sul sito internet la frequenza di trasmissione).

Normalmente, sentiremmo solo suoni disturbati e fastidiosi, ma queste notti magiche di agosto ci regaleranno una sorpresa! Quando il segnale della radio rimbalza contro la cometa che attraversa l’atmosfera, infatti, è possibile sentire chiaramente il canale radio. E, in qualche caso, prima sarà possibile sentire anche scricchiolii e fischi che annunciano l’arrivo della meteora. Cari radiomatori, provateci e poi fateci sapere! Noi di Radiospeaker vi auguriamo una meravigliosa estate !

Articolo a cura di Eleonora Corgiolu