Totò, il Principe della Risata e la Radio

Storia della Radio

Totò, il Principe della Risata e la Radio

Totò, noto comunemente come “il principe della risata” Antonio de Curtis, è stato un attore comico e drammatico brillante, un paroliere,un cantante, un poeta, un commediografo ed uno sceneggiatore italiano. Questo si sa, ma non tutti sanno che tra le tante esperienze artistiche da lui intraprese vi è anche la Radio, la nostra amata radio.

Nella storia cinematografica e teatrale italiana, Totò è da considerarsi uno dei massimi esponenti della comicità italiana e partenopea. Una vera “maschera” da paragonare solo a grandi come Chaplin e Keaton e, a dispetto dei tempi, riscuote ancora oggi successi, tanto che molti dei suoi sketch e delle sue esilaranti battute sono entrate nel linguaggio comune. Teatro, cinema, televisione, ma anche interviste in radio (Tutto Totò, Totò uno e due, La giraffa, la rubrica radiofonica Ciack tra le tante) per il mito Totò tutto rientra nell’ordinaria amministrazione.

Resta memorabile ed unico l’appuntamento del mercoledì in radio di Totò con “Il vostro amico Totò”. Si tratta di una vera trasmissione radiofonica settimanale della durata di 30 minuti ciascuna, una vera chicca per gli amanti del genere e i tanti fedelissimi del gran “marchese partenopeo”. Programma musicale del 1967 curato da Mario Salinelli e Guido Castaldo con la partecipazione in studio, accanto a Totò, di Gisella Sofio. Dopo otto puntate su tredici, “il vostro amico Totò” fu interrotto bruscamente a causa della morte del nostro beneamato attore.

Da YouTube "Il vostro amico totò-1967":



Storica la presentazione e i saluti iniziali della prima puntata del programma in cui Totò inizia con "Carissime signore e signori in ascolto, eccomi qua, felice di poter passare con voi una mezz'ora. Vi ho già detto che io sono contento di questo e mi fa piacere pensare che non dispiaccia nemmeno a voi. Ecco perché mi presento come il vostro amico Totò" Totò recita anche poesie come 'A passiona mia erano 'e rrose, scherza con Gisella, presenta varie canzoni, il tutto in una atmosfera ovattata e professionalmente alta e distesa.

Il suo ” Carissimi amici quest'oggi ho finito. A risentirci mercoledì prossimo. Ciao" rimane nella storia degli archivi Rai e nel cuore di tutti noi. Bello pensare che anche i “Miti”come Totò, sono passati in uno studio radiofonico. La radio presenta e comunica l’arte a tutti i livelli.

Articolo a cura di Nicoletta Zampano