Radiospeaker.it incontra il Trio di RTL 102.5 !

Interviste

Radiospeaker.it incontra il Trio di RTL 102.5 !

Radiospeaker.it incontra alcune delle voci più giovani dell’etere nazionale. In onda il fine settimana dalle 13,00 alle 15,00 costituiscono il “Trio” di RTL 102.5: Francesco Taranto, Martino Migli e Gabriele Sanzini. Speakers ma non solo. Un’amicizia ed una frequentazione che parte dai banchi di scuola per poi continuare con le prime esperienze radiofoniche sino ad approdare, lo scorso anno, nel network della radiovisione per eccellenza.

Una conduzione frizzante e coinvolgente, frutto di un legame quasi fraterno. Indubbiamente, per loro una grande possibilità di crescita professionale, considerando anche il passaggio da una radio prevalentemente “talk” ad un’emittente “di flusso”. Quanti giovani speaker vorrebbero essere al loro posto? Intanto cerchiamo di capirne di più, ascoltando la nostra intervista!

Giovanissimi ad RTL 102.5, il vostro debutto e il confronto con i grandi nomi della radiofonia nazionale?

Dopo 4 anni di Radio Popolare a Milano , l’anno scorso siamo approdati ad RTL 102.5. All’inizio abbiamo condotto con Roberto Uggeri e Francesca Cheyenne nel programma “Protagonisti” poi abbiamo sostituito Barbara Sala al mattino, con “Non Stop News”, ed ora siamo con Giorgio Ginex alla conduzione di “Miseria e Nobiltà”, il fine settimana. Dinanzi tutti i grandi nomi della radiofonia nazionale “togliamo il cappello” . Un modo anche per essere umili e per evitare di avere “vita breve”.

Come è nato il vostro trio radiofonico?

Tutto è nato per caso. A Radio Popolare, dopo una partecipazione come ascoltatori, siamo stati arruolati in veste di giovani inviati per dirette variegate, trasmesse in occasione di eventi o fiere particolari, come quella, memorabile, dei distributori automatici. Inoltre abbiamo realizzato diverse interviste a personaggi improbabili, senza badare alle difficili condizioni atmosferiche. - Oltre alla radio, altri interessi in comune? Sicuramente tanti amici che hanno frequentato con noi gli stessi istituti scolastici,ma grandissimi interessi in comune non ve ne sono.

C’è sinergia tra voi tre o sono frequenti gli screzi, magari durante la preparazione del programma?

Siamo molto democratici, di solito vince la maggioranza. Comunque non sono frequenti gli screzi, in caso contrario non riusciremmo ad andare avanti.

Riuscireste a condurre singolarmente?

Dipende dal tipo di conduzione. Nel caso della nostra, irriverente, essa necessita inevitabilmente di una “spalla” e probabilmente più di una. Se la conduzione, invece, fosse più istituzionale, crediamo che saremmo in grado di farla singolarmente, cosi come tanti bravissimi conduttori che, a distanza di anni, riescono a condurre con successo.

Ascolta qui l'intervista al Trio di Rtl 102.5:

 


Un vostro parere sul livello di formazione culturale presente tra gli speaker nell’attuale sistema radiofonico?

Indubbiamente, la cosa più importante è la cultura musicale, da possedere soprattutto se si ha la possibilità di condurre in una radio come RTL 102.5. La cultura è importante ed utile nel momento in cui si riesce a sviluppare un discorso comprensibile rivolto a tutti i ceti sociali.

La vostra presenza ad RTL, considerando la giovanissima età, potrebbe essere da esempio emblematico e da sprono per tutti gli speaker “in erba” che ambiscono ad un posto di rilievo in radio. Da parte vostra, un consiglio a riguardo?

Il consiglio è sicuramente quello di distinguersi dalle altre emittenti, dal punto di vista proprio della conduzione; un modo per non omologarsi o imitare le altre emittenti.

Cosa ne pensate di Radiospeaker.it?

Siamo rimasti piacevolmente stupiti dal corso di conduzione di Radiospeaker.it; è bello vedere siti che si occupano di radio. Siete dei grandi.

Articolo a cura di Maurizio Schettino