Web Radio: Radio 92100, l' Intervista al suo Ideatore

Web Radio

Web Radio: Radio 92100, l' Intervista al suo Ideatore

Radiospeaker.it incontra l’ideatore di Radio 92100, una web radio nata il 21 giugno dello scorso anno e che s’identifica come la prima vera web radio del Sud. Riccardo Gaz, promotore di questo progetto radiofonico, ci racconta tutti i particolari nella sua intervista.

Come nasce l'idea di 92100?
L'idea di 92100 nasce da una personalissima passione nei confronti del mezzo, io sono nato nel 76’, la Legge Mammì, se non ricordo male, arrivò nel 90’ e quindi, se fai due conti, capirai bene che a quell'età ero troppo piccolo per pensare di investire dei soldi per una radio tutta mia. Oggi invece, grazie al web è un po’ come vivere gli anni delle radio libere, puoi farne una tua dando libero sfogo alla fantasia. Io ho fatto per tanti anni la radio in fm, ho tentato di fare il “salto in nazionale”, ci sono sempre andato vicinissimo e sto ancora tentando, ma dare vita ad una mia stazione radio era un sogno che prima o poi avrei dovuto realizzare. Allora, mi sono fermato per un attimo a riflettere sulla nostra quotidianità e mi sono reso conto che tutto viene fatto con un solo oggetto, con un solo click. Ci informiamo attraverso i portali, ascoltiamo la musica in streaming, guardiamo i film, comunichiamo attraverso i social networks, facciamo tutto con il computer! Da questa considerazione è nata in maniera concreta l'idea di fare una web radio.

A quale pubblico si orienta e quanti ascoltatori conta?
Il pubblico penso sia variegato e non posso identificarlo specificatamente. Per quanto riguarda il numero di ascoltatori, posso dirti che nel giro di un anno siamo riusciti a contare circa 30.000 presenze al mese sul sito, con una media di ascolto di 70 minuti circa. Questi sono numeri precisi, non sono proiezioni, la rete è anche questo, ti dice sempre la verità.

Come si articola il palinsesto?
Il palinsesto della radio è stato studiato a tavolino per andare incontro ai gusti delle persone. Abbiamo fatto una radio molto veloce, aggressiva per certi versi, un po’ come quelle americane. Io sono innamorato delle radio americane, perché sono rapide, dinamiche e hanno fatto scuola in tutto il mondo. Nella programmazione di 92100 c'è quasi tutto, durante le ore commerciali (quindi per intenderci quelle lavorative) c'è la musica di oggi, con diversi richiami alle hit che hanno fatto la storia della radio. Nella restante parte della programmazione, ci sono programmi di nicchia e quindi più settoriali.

Come si può ascoltare 92100?
Novantaduecento la si può ascoltare sul sito novantaduecento.com o scaricando le applicazioni gratuite per smartphone, iphone e android. Provate a sintonizzarvi, noi con presunzione diciamo di essere la prima vera web radio del Sud. Basta ascoltarla e in pochi minuti vi renderete conto che suona perfettamente come una radio in fm. Il clock rigidissimo, gli station, i jingles, i notiziari ogni ora, tutte le info sui concerti nel meridione e la voglia di promuovere quanto di buono c'è al Sud. Lo slogan della radio è da leggere tra le righe e con un pizzico d’ironia "Siamo Diversi, Terroni Siamo" , nulla di politico.

Cosa ne pensi di Radiospeaker.it?
Quando ero piccolo, rimanevo delle ore ad ascoltare la radio per cercare di rubare degli insegnamenti e, attentamente cercavo di leggere la personalità di chi stava dall'altra parte a parlare. Non c'era internet all’epoca, ed era difficile trovare libri o manuali che parlassero di questo mondo. Ricordo che c'era solo una rivista, che dalle mie parti era introvabile, si chiamava Radiomania, io riuscivo a farmela spedire da un amico che viveva a Roma, ero affamato, volevo capire meglio. Bene, penso che il vostro portale sia un buon modo per diffondere la cultura di un mezzo di comunicazione che secondo me non ha rivali. Complimenti per il vostro lavoro e grazie per l'interesse che avete mostrato nei confronti della nostra stazione.

Articolo a cura di Mimma Santarsiero