Web Radio Tradate: nasce la "Radio dei Nonni"

Curiosità Radiofoniche

Web Radio Tradate: nasce la "Radio dei Nonni"

Chi l’ha detto che i nonni sanno soltanto coccolare nipoti, oppure preparare il pranzo domenicale in perfetto stile reggimento? I nonni sanno anche raccontare storie e quando lo fanno con un microfono il risultato può essere sorprendente.

Si chiama “Web Radio Tradate”come il nome del Paese da dove si trasmette – la nuova creatura radiofonica nata in un centro anziani. È qui che Carmen Sartoris (77 anni), Ettorino D’Alessandro (92) e Renata Tedesco (75) si incontrano in onda.

La notizia della nascita di “Radio Nonni”, riportata dal Corriere della Sera, ha attirato l’attenzione di Radio Deejay che con Fabio Volo in prima fila vuole organizzare una trasferta negli studi del network nazionale per far conoscere le trasmissioni riascoltabili anche in poadcast. Non solo radio, perché il Festival di Sanremo, per bocca dei suoi conduttori Carlo Conti e Maria De Filippi, sembra essere interessato alle prestazioni dei nonnini e potrebbe concedere un piccolo spazio divertente durante le serate in scena al Teatro Ariston.

ASCOLTA I PODCAST SU SPEAKER.COM

Dunque l’attenzione verso questa curiosa attività è alta. Ma quali sono i temi che si prefigge di affrontare “Web Radio Tradate”? Gli anziani speaker che si alterneranno al microfono conoscono le tradizioni popolari, ecco dunque che raccontare gli antefatti di una società in continua evoluzione può essere attraente. Si parlerà anche di salute, prevenzione e tecnologia. Già, perché Tradate è un posto che sventola ambizione. Oltre agli anziani conduttori, infatti, hanno un ruolo da protagonista gli studenti che insegnano l’utilizzo dei mezzi tecnologici ai conduttori senza età. Così non ci si deve sorprendere quando vediamo un nonno armeggiare digitare con il suo tablet la parola chiave che da internet ricava informazioni.

Web Radio Tradate è una realtà nuova e, contrariamente a quanto si possa pensare, sembra che possa avere una lunga vita.

Articolo a cura di Daniele Campanari