La Radio in Guerra nel Film Windtalkers di John Woo

Film sulla Radio

La Radio in Guerra nel Film Windtalkers di John Woo

Consiglio preventivo. La violenza non manca in “Windtalkers” (coloro che parlano al vento). Sullo schermo scorrono immagini di soldati bruciati vivi, corpi sventrati, arti troncati che potrebbero turbare gli animi più sensibili.

Ma il film del cinese John Woo, un maestro dell’action movie (“Face/Off”, “Mission Impossible 2”), ha il pregio di raccontare la storia, poco conosciuta, dei 400 indiani Navajo che, durante la Seconda guerra mondiale, furono impiegati dalla Marina militare americana nel Pacifico, come coldtalkers (comunicatori in codice), per impedire ai giapponesi di decifrare le trasmissioni americane criptate.

Una vera spina nel fianco per il Giappone: gli indiani, infatti, comunicavano via radio informazioni attraverso il codice Navajo, ideato nel 1942 e basato sul loro dialetto: una lingua non scritta e difficile da interpretare. Una lingua che andava difesa a tutti i costi ed è per questo che alcuni marines bianchi furono incaricati di proteggere i Navajo ma, ed è triste dirlo, anche di ucciderli se fossero caduti in mano al nemico.

Precisi e veloci, i radiofonisti Navajo svolsero un ottimo lavoro: salvarano tante vite umane e portarono l’America a vincere alcune battaglie nel Pacifico come quella di Saipan (1944) raccontata nel film. E i giapponesi, pur essendo degli abili decodificatori, non riuscirono a tradurre il codice che, per motivi di sicurezza (gli americani pensavano di usarlo in un’eventuale guerra contro l’URSS ), rimase segreto fino al 1968.

In “Windtalkers” spiccano due personaggi: il Navajo Ben Yahzee (Adam Beach) e il sergente Joe Enders (Nicolas Cage), incaricato di vigilare sulla sua incolumità. Impresa non facile per Enders divorato dal senso di colpa per aver perso i suoi uomini, in una precedente azione militare, e ora in crisi sapendo di dover uccidere il navajo Ben, nel caso in cui venisse preso dal nemico: ucciderebbe un soldato ma anche un amico. Solo nei momenti finali del film, Enders si riscatterà dal senso di colpa: Ben viene ferito, i giapponesi sono sulle sue tracce, e il sergente mette a rischio la propria vita pur di salvarlo.

Epilogo tragico e scontato ma, nel complesso, “Windtalkers” è da vedere. Agli amanti della radio farà piacere sapere che John Woo, per la realizzazione di “Windtalkers”, si è servito della consulenza di Albert Smith, un radiofonista Navajo arruolatosi nella Marina americana appena quindicenne. Chiaro il suo intento: dare al film un taglio documentaristico, che si riconosce anche nella scelta di esibire radio e armi d’epoca.

Buona visione!

Articolo a cura di Sofia Napoletano

Genere: Guerra

Regia: John Woo

Sceneggiatura: John Rice, Joe Batteer

Cast: Nicolas cage, Adam Beach, Christian Slater, Noah Emmerich, Mark Ruffalo

Paese-anno: Usa, 2002.

Durata: 134 min.

Guarda qui il Trailer del film Windtalkers



Acquista subito il Film