Radio: se il futuro fosse un flusso live on demand?

Curiosità Radiofoniche

Radio: se il futuro fosse un flusso live on demand?

La televisione, come sapete, sta cambiando rapidamente, molto più della radio.

Gli spettatori televisivi sono in calo da quando il pubblico ha iniziato ad usare maggiormente servizi on-demand come Netflix, Hulu, Stan o iPlayer. Di conseguenza le piattaforme televisive stanno provando nuove forme di intrattenimento.

All'inizio di quest'anno, il pacchetto TV a cui mi sonio abbonato (un piccolo box australiano chiamato Fetch TV) ha aggiunto un nuovo canale: Oxygen, gestito da NBC Universal, visibile sul 101.

Oxygen è un canale molto interessante perché in realtà non si può definire proprio in tal modo.

Qual è il futuro della radio?

Certo, sembra un canale televisivo ed appare nell'elenco insieme a tutti gli altri canali televisivi. Ha una programmazione "classica" 24 ore al giorno. Se faccio zapping saltando da una parte all'altra, Oxygen apparentemente sembra come tutti gli altri. Puoi guardarlo come qualsiasi altro canale tv classico: inizia uno spettacolo e al termine ne inizierà un altro.

Oxygen in realtà è solo una raccolta di programmi TV on-demand. Sulla guida TV esiste come un canale virtuale: è lì solo per promuovere gli spettacoli disponibili su richiesta. Quando fai zapping su Oxygen, non ti dà affatto l'idea di un canale in diretta, non trovi trasmissioni già iniziate ma troverai lo spettacolo sempre dal momento iniziale. La programmazione è stata scelta in base alla sua efficacia come prodotto on-demand.

Cosa potrebbe imparare la radio da questa vicenda?

Come creare una Radio On-Demand?

Immagina: ti sintonizzi sulla radio e la prima cosa che senti è la tua canzone preferita e subito dopo una voce registrata che simula la diretta. Una radio che ti tiene compagnia ad esempio alle 8:00 e solo a quell'ora, perché magafi è il momento in cui ti stai preparando per andare al lavoro. Un'emittente che ha tutto ciò che la renda grande, speaker che parlano di eventi calcistici della sera precedente, che intrattengano il tuo viaggio mattutino; una stazione che non ha nessuna pubblicità mal mirata o che non suoni troppo esageratamente tutte le mie canzoni preferite.

Se dovessimo pensare alla radio musicali come ad un puzzle, composta da brevi contenuti audio on-demand, piuttosto che da un flusso live inalterabile, cosa comporterebbe?

Quel "puzzle" potrebbe essere montato solo per me sul mio cellulare o sul tuo solo per te. Una versione di quel puzzle potrebbe anche essere assemblata per chi ascolta la radio dall'FM, con meno personalizzazione ma per il resto dovrebbe suonare praticamente uguale.

Il futuro della radio è qualcosa concepito come una raccolta di audio on-demand, assemblato per ogni ascoltatore ... e dove il trasmettitore FM non è altro che l'ascoltatore stesso?

Forse la radio ha bisogno di un po 'di oxygen?

Articolo a cura di James Cridland

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.