Nicola Savino festeggia con Max Pezzali 50 anni di Radio e Musica

Radio News

Nicola Savino festeggia con Max Pezzali 50 anni di Radio e Musica

Il tempo passa per tutti, anche per Nicola Savino che nella giornata del 14 Novembre ha compiuto 50 anni. Il conduttore nativo di Lucca ha festeggiato con amici e colleghi il suo compleanno con un evento privato. Il party è stato “documentato” dalle varie storie e profili Instagram dei personaggi di Via Massena. Erano infatti presenti Nikki e Dj Aladyn, che si sono occupati del dj set della serata, Albertino, Mario Fargetta, Federico Russo, Matteo Curti e tanti altri.

Ospite speciale della serata il cantante Max Pezzali che è nato lo stesso giorno e lo stesso anno di Nicola: anche per lui sono 50 anni! Ovviamente non è mancato il momento karaoke con i tormentoni degli 883. Una bella torta con candeline ha poi proclamate ufficialmente Nicola Savino come cinquantenne, esattamente dieci anni in meno del Leone di Radio Deejay con cui condivide il microfono del programma Deejay Chiama Italia.

Nicola è indubbiamente una voce storica della radiofonia italiana. E’ approdato a Radio Deejay nel 1989, dopo qualche anno di gavetta in emittenti locali del milanese, dove inizia la carriera radiofonica come regista. Savino ha infatti dichiarato le seguenti parole a riguardo: “Ho puntato più in basso come mansione per avere uno stipendio fisso e fare contenta la mamma”. Inizia a collaborare ai programmi di Fiorello, Baldini, Amadeus e tanti altri. Dopo una breve esperienza di un anno a Radio Capital nel 1995 per poi ritornare a Deejay dove inizia ad occuparsi del programma che lo vede ancora in onda tutt’oggi.

Nella carriera di Nicola Savino non è mancata la televisione: ha collaborato con Rai, Mediaset, Sky e collaborato come autore o condotto tanti programmi divenuti famosi nel tempo come il Festivalbar, Le Iene, Quelli che il calcio, Zelig e tanti altri. Un personaggio dunque a tutto tondo che si è saputo creare una carriera nel mondo dello spettacolo radiotelevisivo.

Tanti Auguri quindi a Nicola Savino (e Max Pezzali)!

Articolo a cura di Stefano Tumiati