Radio Cap: la nuova web radio bolognese

Radio News

Radio Cap: la nuova web radio bolognese

La radio come aggregazione e scambio culturale tra persone appartenenti a religioni diverse, questa la filosofia alla base della nuova web radio bolognese, attiva da poche settimane sulla piattaforma Spreaker e presentata ufficialmente alla stampa lo scorso 13 gennaio.

Radio Cap, questo il nome dell'emittente on-line, frutto di un progetto sulla legalità, alla base di un bando del Quartiere Reno-Borgo Panigale, proteso alla responsabilizzazione della cittadinanza verso il concetto di integrazione.

Capofila e ideatrice del progetto, la cooperativa "Open Group", che possiede la testata giornalistica "Libera Radio".  Quest'ultima, secondo una fase preliminare, ha provveduto alla formazione di 20 ragazzi e ragazze fra i 15 e i 18 anni, mediante laboratori specifici sui meccanismi della radiofonia. Location di Radio Cap sono gli studi allestiti presso il Centro sociale "Rosa Marchi" di Bologna.

Una sperimentazione che sta già producendo risultati positivi, come affermato dal direttore di Libera Radio e ideatore del medesimo progetto, Federico Lacche,  il quale afferma, sul portale redattoresociale.it: "L'idea è di rendere la nuova emittente un luogo di aggregazione, sia fra generazioni che fra ragazzi di confessioni diverse". Il progetto, infatti, è esteso anche ai cittadini di cultura islamica, di cui ne è centro propulsore la parrocchia di Sant'Andrea.

Uno staff di speaker e redattori che si inserisce in una programmazione variegata, composta da format che spaziano dal costume,  ai viaggi, passando per l'infotainment e il cinema, il tutto condito con dell'ottima musica e il coinvolgimento offerto da chi ha deciso di fare del media una risorsa in grado di integrare e rendere partecipi generazioni differenti per il loro credo religioso.

E' attiva la pagina Facebook di Radio Cap, aggiornata con i vari appuntamenti che riguardano la web radio e da cui è possibile accedere anche al link delle trasmissioni.

Da parte nostra, un forte in bocca al lupo, quindi, all'intero staff di Radio Cap!

Articolo a cura di Maurizio Schettino