Private Parts: il film sul deejay Howard Stern

Film sulla Radio

Private Parts: il film sul deejay Howard Stern

Capellone, naso aquilino, voce querula, cocciuto, scurrile, provocatorio. È il ritratto di Howard Stern, deejay americano che dalle radio locali approda nel 1982 alla NBC, il noto network radiotelevisivo newyorkese. Una carriera fulminante che, unita a spezzoni di vita, è ripercorsa in un lungo flashback da Betty Thomas in “Private Parts” (1997), il film tratto dall’autobiografia di Stern e interpretato dal vero protagonista. Spazio alla trama. Howard Stern incontra in aereo Gloria (Carol Alt) e inizia a raccontarle la sua vita.

La narrazione prende le mosse dalla passione per la radio che lo porta ad esibirsi come deejay ai tempi del college, a lavorare per conto di alcune emittenti radiofoniche locali per poi arrivare al successo grazie alla NBC col talk show radiofonico più seguito degli anni ‘80. Disinibito, irriverente,volgare ma anche divertente, Stern diventa un divo della radiofonia; un disc jockey amato e odiato ma sempre seguito, sempre ascoltato e, forse, ancora di più dai suoi detrattori, curiosi di sapere fin dove si sarebbe spinto.

Uno capace di tenere incollati alla radio venti milioni di ascoltatori semplicemente affidandosi al turpiloquio, alla satira sfrontata, alla provocazione estrema e mettendo in piazza i fatti propri: i suoi complessi di natura sessuale, la sua vita coniugale. Uno che fa uso di parolacce e vocine pur di far ridere e far salire l’audience.

E, ancora, uno che, pur osteggiato dal direttore della NBC per il suo modo “bizzarro” di portare avanti il programma, ospita in studio personaggi alquanto “singolari” come una bionda massaggiatrice in costume adamitico e lancia battute micidiali. ‹‹Mio padre era un sincero democratico, mi ha mandato in un college, modello di integrazione: seimila neri e io›› racconta Stern nel corso del noto talk show.

Insomma, il suo successo si deve alla sfrontatezza, unita ad una buona dose di furbizia, ma anche a Robin Quivers, Fred Norris, Jackie Martlirg, Gary Dell’Abate: i suoi colleghi on air strampalati che in “Private Parts” interpretano se stessi. E, così, siamo giunti alla fine del viaggio. Stern, dopo aver raccontato la sua storia a Gloria, sulle prime sconcertata per i dettagli scabrosi ma poi divertita, è atteso dalla moglie Allison (Mary McCormack) e i tre figli.

Ma può un provocatore come Stern limitarsi a salutare Gloria come farebbe chiunque? Ovviamente, no! E così il deejay le si avvicina e le chiede di provare un ménage à trois. Una “commedia demenzale dai ritmi radiofonici” per alcuni, un’autobiografia-parodia di una star americana per altri. Ma un fatto è certo: Stern è un personaggio poco conosciuto in Italia e il suo modo di fare radio è decisamente lontano dal nostro. Potremmo definirlo alternativo ma, secondo qualcuno, è soltanto radio-spazzatura.

Genere: Commedia
Regia: Betty Thomas
Soggetto: Tratto dal libro omonimo di Howard Stern
Sceneggiatura: Len Blum e Michael Kalesniko
Cast: Howrad Stern, Carol Alt, Alison Stern, Kelly Bishop, Mary McCormack, Robin Quivers, Fred Norris, Jackie Martlirg, Gary Dell’Abate, Paul Giamatti, Leslie Bibb, Henry Goodman
Origine: Usa, 1997
Durata: 109 min

Articolo a cura di Sofia Napoletano
Fonte: agendamilano.com

GUARDA IL TRAILER