Intervista a Francesco Tarquini di M2O

Interviste

Intervista a Francesco Tarquini di M2O

Radiospeaker.it incontra Francesco Tarquini, conduttore di “Gamepad”, il format radiofonico di M2O interamente dedicato all’universo dei videogames, in onda ogni domenica alle 13. Francesco, in coppia con Mila, ci aggiorna ogni settimana, sulle novità che interessano le console di ultima generazione. Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati dei software che spaziano su più fronti d’intrattenimento: dai games “ a due ruote” passando per i divertenti “platform” sino ad arrivare all’irrinunciabile sport che stimola l’interesse anche degli adulti.

Una passione per i videogiochi che quotidianamente investe le giornate di Francesco e che, grazie ad M2O, ha trovato sfogo anche mediante il mezzo radiofonico. L’esperienza  e un costante interesse per i games che si evince anche nelle sue parole, dove si analizza la situazione attuale,  confrontando la stessa con l’utilizzo incessante, da parte dei giovani, di internet. Un connubio perfetto quello tra radio e videogames che si esprime nella voce di chi fa di tutto per superare ogni “livello di difficoltà”! In che modo? Scopritelo nella nostra intervista!

Com’è avvenuto il tuo inserimento ad M2O considerando anche i contenuti del programma da te condotto, “Gamepad”.
L’inserimento ad m2o è avvenuto nell’estate del 2005,in quell’anno lavoravo in una radio romana assieme all’amico e collega Carlo Prevale. Come tutti i dj sognavamo di approdare ad m2o,così abbiamo studiato un format da presentare alla direzione artistica. Il primo programma su m2o,si chiamava “Kick-Off – m2o nel pallone”, un mix di musica dance alternato a notizie provenienti dai campi di calcio di serie A e B. L’anno successivo la mia passione per i videogames ha prevalso ed è nato “Gamepad – la console virtuale di m2o”. Venendo da una realtà locale, in cui già la competizione fra dj era molto forte, ricordo che ero un po’ intimorito da quello che potevo trovare in un grande network,invece con sorpresa ho trovato un ambiente molto sereno e tutti i membri della crew di m2o ci hanno fatto sentire da subito a nostro agio.

ll tuo rapporto con i videogiochi e quelli/o da te preferiti maggiormente.
Il mio rapporto con i videogiochi è quotidiano,tanto che da qualche mese ho deciso addirittura di aprire un negozio di videogames in franchising con la catena 16 Games. Grazie a Gamepad mi ritengo un privilegiato perché ormai da anni intrattengo rapporti con i PR dei maggiori produttori e distributori di Console e Videogames, che mi tengono sempre aggiornato sulle novità del momento e mi inviano i giochi per poter realizzare il programma. I miei preferiti sono Fifa,PES,Call of Duty,Mass Effect,Assassin’s Creed,ma il gioco che in assoluto preferisco risale agli anni ’90,è l’avventura grafica Monkey Island.

Credi che oggi l’utilizzo di consolle si sia perso, a vantaggio delle costanti  connessioni ad internet da parte di giovani e non solo?
No,non credo. Le console rimangono sempre le preferite dei giovani,anzi,internet è sicuramente il mezzo che più sta facendo evolvere il modo di video-giocare.

Ritornando al contenitore radiofonico del week-end ,  com’è  il rapporto con la tua partner, Mila.
Molto buono,conoscevo già suo marito Fabio da prima di approdare ad M2O.La reputo una grandissima professionista,in grado di evolversi e rimanere sempre al passo con i tempi. Quando è entrata a far parte di Gamepad non sapeva assolutamente niente di videogiochi,nel giro di poche settimane è diventata una grandissima esperta del settore.

Radio e videogiochi: c’è un motivo musicale di un particolare videogame che non riesci proprio a dimenticare e che magari qualche volta ti è capitato di canticchiare?
Più di uno veramente. La mitica colonna sonora del primo Super Mario mi rimane in testa per giorni ogni volta che ci gioco,così come quella di Monkey Island. Tornando ad oggi invece mi piacciono molto i pezzi che vengono inseriti nelle colonne sonore dei vari Fifa.

In un’era in cui si parla di 3d etc…, il futuro dei videogiochi dal tuo punto di vista.
Il futuro dei videogiochi si basa sicuramente sull’interazione fra utenti. I brand che vendono di più e che non stancano mai sono quasi sempre quelli che permettono ai videogiocatori di sfidarsi sia online che offline (vedi Call of Duty,Battlefield,Fifa e Pes) o di giocare in coop.Le stesse Sony e Microsoft hanno già annunciato che sia Playstation 4 che X-Box One punteranno molto sui contenuti online.

Cosa ne pensi di Radiospeaker.it?
Credo che Radiospeaker.it sia un ottimo mezzo per far scoprire alla gente cosa c’è dall’altra parte della radio e allo stesso tempo una buona palestra per i giovani che vogliono avvicinarsi a questo mondo che purtroppo non ha la visibilità che ti dà la TV,ma riesce ad essere con te in qualsiasi momento:a casa,a scuola,al lavoro,in macchina.

Articolo a cura di Maurizio Schettino