HomeMagazineIntervisteDa Virgin Radio, Andrea Rock parla con Radiospeaker.it

Da Virgin Radio, Andrea Rock parla con Radiospeaker.it

In coppia con Giulia Salvi, è la voce del drive-time di Virgin Radio. Andrea Rock si è confidato per i lettori di Radiospeaker.it e ci ha parlato del suo amore per la radio che risale agli anni delle scuole medie, di “Virgin Generation” (ogni giorno dalle 18 alle 20), della scena rock attuale e dell’odierno panorama radiofonico nazionale (Virgin e non solo…). Ecco cosa ci ha detto! Buona lettura!

Ciao Andrea, raccontaci la tua esperienza radiofonica. Quando è cominciata la tua passione per la radio? E il tuo amore per il rock a quando risale?

Ciao a tutti i lettori di Radiospeaker! Diciamo che il mio amore per la radio risale agli anni delle scuole medie, quando nei pomeriggi di studio mi registravo i programmi di 105 con Ringo (giuro è vero! Non è sviolinata!). Aveva un programma con Paolo Maldini che si chiamava “Codice Rap” e mi piaceva un sacco. La mattina, riascoltavo le cassette nel walkman mentre andavo in tram. Amavo molto il rap e il mio gruppo preferito erano i Beastie Boys che avevano una matrice fortemente hardcore/punk e da lì avrei già capito dove sarei finito con le orecchie. La mia passione per il rock, nasce dal bisogno di urlare e reagire alle sfide della vita attraverso la musica. I miei primi gruppi sono stati Green Day e Ramones. Virgin Radio è arrivata in Italia nel 2007.

Qual è il tuo bilancio fino ad oggi? In cosa la “tua” radio è cambiata?

Beh, innanzitutto adesso ci sono tre programmi parlati in onda ogni giorno! In secondo luogo, oggi Virgin ha un suono ben definito, ha una linea editoriale chiara e ben precisa. Stiamo crescendo giorno dopo giorno, grazie all’affetto dei tanti ascoltatori e alla passione che ci contraddistingue dagli altri network. Con Giulia Salvi siete una delle coppie più giovani e affiatate dell’etere. Un bilancio sul vostro rapporto di conduzione e su “Virgin Generation”. Non avrei potuto trovare una collega migliore: io le dico sempre che un giorno “mi farà le scarpe”, perchè oltre ad essere preparata, con i piedi per terra e sempre sul pezzo, è anche una ragazza tremendamente bella ! (risata) Seriamente, con lei è nata una splendida amicizia; io cerco di portarla verso le culture più alternative e underground e lei mi dà sempre ottimi consigli!

Tu sei anche un musicista, in che modo la tua esperienza di artista è stata di aiuto anche per il tuo percorso radiofonico?

Ti ringrazio per il “musicista”! Sono un appassionato di punk/hardcore da quando ho 14 anni. Farsi le ossa in ambienti così incredibilmente vitali (soprattutto a metà anni 90), mi ha insegnato a rimanere sempre con i piedi per terra e a vivere di passioni. Intervistare band per le quali provi stima e ammirazione, rende il tuo lavoro più sincero e vero anche agli occhi (o per meglio dire, alle orecchie) degli ascoltatori.

Come giudichi la scena rock attuale? Quali sono gli artisti (italiani o internazionali) nei quali credi maggiormente?

La scena rock attuale è viva e ruspante; ci sono molte più gruppi rispetto ad una volta: bisogna quindi selezionare con più cura gli ascolti. In Italia spezzo una lancia per gruppi come Jack Jaselli & The Great Vibes Foundation, Plan de Fuga e The Fire. A livello internazionale, mi hanno colpito molto gli ultimi lavori di Mumford & Sons, Low Anthem, Against Me!, Jesse Malin e Frank Turner. Ma la mia band preferita di sempre rimarranno i Social Distortion! Un giudizio sul panorama radiofonico di oggi: radio e webradio. Anche Virgin ha i suoi canali web musicali tematici… Si è vero; alcuni di questi canali li curo personalmente! Credo che il mondo delle webradio sia molto interessante. Si scopre un sacco di musica, è importante però, che chi li segue, non trascuri la qualità della messa in onda.

Virgin Radio Television è ai suoi primi mesi di vita. In che modo hai contribuito alla sua nascita?

Beh, provengo da un’eperienza di sette anni a Rock TV, quindi credo fortemente che il rock necessiti di visibilità. Credo che la tv sia partita bene, con un buon team giovane e propositivo. Con Virgin Generation lanciamo un messaggio forte: la buona musica è come un tatuaggio, dura per sempre; per questo il pacchetto è confezionato seguendo questo tipo di aspetto grafico.

Conosci Radiospeaker.it? Ti piace?

Sono sincero, non la conoscevo…ma rimedierò quanto prima a questa mia mancanza!

Articolo di Pierpaolo Fasano

Radiospeaker.it

Radiospeaker.it

Siamo la Più Grande Radio Community Italiana. Database dei professionisti della radio, delle Emittenti Radiofoniche, Radio news, Corsi di Radio, servizi per le radio e tanto altro. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Radio Maria: riduzione delle emissioni per il ripetitore di Paesana

Radio Maria: riduzione delle emissioni per il ripetitore…

Articoli recenti

Al WMF nasce l’iniziativa “Internet per gli insegnanti”

Al WMF nasce l’iniziativa “Internet per gli insegnanti”

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.