Radio Belva chiude dopo una sola puntata

Radio News

Radio Belva chiude dopo una sola puntata

Dopo il Boom (nel vero senso della parola) della prima puntata di Radio Belva, condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo di Radio 24, ci saremmo aspettati di tutto ma di certo non la chiusura tempestiva del programma.

Una decisione dura ma ponderata quella di Mauro Crippa, Direttore Generale all'Informazione del gruppo Mediaset, annunciata in un comunicato stampa: "Radio Belva torna ai box - dice Crippa - ha provato a fare un giro di pista, ma è finita fuori alla seconda curva: mercoledì sera ho visto cose che non si possono vedere in onda, e che non possiamo e non dobbiamo permetterci di trasmettere".

Altra dichiarazione molto forte arriva anche dal Direttore di Rete 4 Giuseppe Feyles che dichiara: "Il programma non ha le caratteristiche necessarie di tono e contenuto adatti al prime time della rete. [...] Ieri, in alcuni momenti, la concitazione della diretta ha preso una deriva non condivisibile, della quale ci scusiamo con il pubblico e gli ospiti in studio e in collegamento".

Parole decisamente dure e piene di amarezza che segnano, con grande rammarico, la chiusura di un potenziale programma di successo. A fine comunicato Feyles ha comunque ringraziato i due conduttori elogiando la loro professionalità.

Analizziamo però ai fatti partendo dagli ospiti della puntata che sono: Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, Paolo Villaggio, Annarella, l'anziana arrabbiata con i politici italiani, Maria Giovanna Maglie, Mario Borghezio della Lega Nord e Roberto Fiore di Forza Nuova. Una scelta decisamente variegata che sicuramente aveva come obiettivo finale quello di creare un dibattito acceso.

Le prime avvisaglie di tensione si iniziano ad avvertire con Emilio Fede, inviato speciale del programma dal circolo Sel di Roma che sgrida i due conduttori per aver lasciato troppo tempo a Borghezio (da lui soprannominato "affettuosamente" Porchezio). Un piccolo screzio da mettere in conto sia per la "varietà politica" e i caratteri "vivaci" dei personaggi scelti per la puntata (che personalmente hanno saputo dare manforte alla loro nomina), sia per la tipologia di format del programma.

Ma il "bello" arriva con l'ingresso in scena Vittorio Sgarbi. L'intervista inizia molto tranquillamente quando ad un certo punto, dopo una punzecchiatina di Cruciani, "Radio Belva" magicamente si trasforma nello "Sgarbi Show" dove il critico d'arte esplode come un vulcano iniziando ad insultare i due conduttori con termini molto forti arrivando addirittura a minacciarli di urinargli in testa. La discussione sembra placarsi con l'abbandono dello studio da parte del critico.

Ma giusto pochi minuti dopo accade l'inimmaginabile. Infatti al rientro in studio, Sgarbi, scatenato più che mai, non risparmia nessuno, neppure la povera signora Annarella definita come una "rompiscatole" (tradotto in maniera garbata). La situazione degenera drasticamente quando Cruciani invita una rappresentante di Forza Nuova ad accomodarsi fra il pubblico e Sgarbi arriva quasi alle mani con il conduttore.

Insomma, una serata della quale sentiremo parlare nei prossimi giorni. Per la coppia di Radio 24 di certo è stata un'esperienza molto importante che ha lasciato il segno.

Ma voi cosa ne pensate? Se foste stati nei panni di Cruciani e Parenzo, cosa avreste fatto? Quali ospiti avreste scelto per la vostra puntata? E se fossero stati gli stessi, come vi sareste comporati con loro? E per la coppia che ripercussioni ci saranno (se ci saranno)? Secondo voi non sono stati in grado di gestire la puntata, oppure era proprio quello il loro obiettivo finale (seppur autodistruttivo)?

Fonti: CorrieredellaSera.itIlSussidiario.net, TvBlog.it

Articolo a cura di Daniele Orecchio

Alcuni Estratti della Puntata