HomeMagazineRadio NewsSalmo: quando hai successo ma non grazie alla Radio

Salmo: quando hai successo ma non grazie alla Radio

E’ già capitato ultimamente che alcuni artisti italiani e non, ottengano successo tramite lo streaming dei loro brani su piattaforme come Spotify e iTunes, ma non tramite la radio, da anni il mezzo principale per ascoltare i nuovi singoli.

Negli ultimi anni, con l’avvento della musica Trap e i vari generi ascoltati dai giovani ma non dagli adulti, tali brani, una volta usciti, raramente vengono trasmessi via etere. A parte alcuni casi isolati come Ghali o Sfera Ebbasta, gli altri non vengono mandati in onda, forse perchè brani non ascoltati dal pubblico

Tale fenomeno può essere considerato una causa per cui i giovani ascoltano meno radio degli adulti, in quanto non sentono passare le canzoni che amano. Alcuni network si sono accorti di questa nuova onda musicale molto diffusa tra gli adolescenti e hanno provveduto ad inserire nel palinsesto programmi inerenti al genere, come 105 Trap (in onda ogni sera dalle 21 alle 22 con Moko e Charlie Charles su Radio 105) oppure Radio Italia Rap, la webradio del gruppo di Mario Volanti.

L’ultimo artista che sta riscuotendo molto successo per il suo nuovo album è Salmo (pseudonimo di Maurizio Pisciottu), che però non viene trasmesso appunto dalle grandi emittenti nazionali. Il disco si chiama “Playlist” e sta spopolando e occupando le top ten delle classifiche Spotify e FIMI.

Alcuni critici musicali hanno analizzato la popolarità del rapper italiano, confermando appunto lo scarso interesse delle radio verso uno dei cantanti più ascoltato tra i giovani di tutto il Paese. Infatti, l’artista a dicembre si esibirà al PalaLottomatica di Roma e al Mediolanum Forum di Assago, davanti a migliaia di giovani fan.

Negli scorsi anni ha vinto diversi dischi d’oro e di platino, dimostrando di essere un cantante molto affermato, ma forse non abbastanza per essere apprezzato anche dagli adulti e dai network. Forse perchè icona di un genere nuovo e sconosciuto a molti, e quindi bisognoso di tempo per diventare popolare.

E voi che ne pensate? Vi piacerebbe sentire più musica Trap in radio?

Articolo a cura di Francesco Pinardi

Francesco Pinardi

Francesco Pinardi

Conduttore radiofonico, speaker, redattore e studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Torino. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Le attrezzature per una web radio professionale

Le attrezzature per una web radio professionale

Radio AM: pregi e difetti di una trasmissione old style

Radio AM: pregi e difetti di una trasmissione…

Poolside.fm: una vintage radio online

Poolside.fm: una vintage radio online

Articoli recenti

WondeRadio, la radio che fa la differenza

WondeRadio, la radio che fa la differenza

Laura Basile si prende una pausa in radio

Laura Basile si prende una pausa in radio

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.