Radio Strategy: quanto contano i Jingle Radiofonici?

Radio News

Radio Strategy: quanto contano i Jingle Radiofonici?

Nuovo appuntamento con Radio Strategy, nuova tematica: I Jingle radiofonici.

Quanto è importante curare il suono della propria radio? Quanto conta avere un "vestito sonoro" al passo con il cambiamento musicale? Perchè un editore radiofonico dovrebbe rinnovare il pacchetto di liner e jingle ogni 3-5 anni?

A queste e altre domande ci risponderà Paul Holmes di ReelWorld.com, tra le più grandi agenzie di produzione di jingle al mondo.

 

RADIO STRATEGY: QUANTO CONTANO I JINGLE?

 

 

GUARDA/ASCOLTA TUTTE LE PUNTATE DI RADIO STRATEGY SU UNO DI QUESTI CANALI:

Radio Strategy su Youtube

Radio Strategy su Spreaker

 

LEGGI L'INTERVISTA

Ciao Paul piacere di conoscerti
Ciao, piacere mio.

Qual è il valore di un bel pacchetto di jingle, perché gli editori radiofonici dovrebbero investire i loro soldi in questo?
Adesso ci sono tante radio con differenti formati, quindi abbiamo CHR (Contemporary Hit Radio), AC (Adult Contemporary), HOT AC (Hot Adult Contemporary), Classic,  tutti nello stesso mercato. Cosa le differenzia una dall’altra: La musica e le produzioni audio. La musica negli ultimi 20 anni è cambiata completamente, alcune produzioni audio invece non sono cambiate.  Per esempio, parlando di Radio con formato CHR, recentemente abbiamo prodotto i nuovi jingle di M2o. La musica cambia così velocemente che se hai un pacchetto di jingle di 2, 3, 5 anni fa è completamente diverso dal suono della Musica di oggi. La stessa cosa vale per le Hot AC e le AC. Le tecniche di produzione cambiano di continuo, anche il modo con cui noi produciamo i nostri jingle è molto diverso da quello di 3 o 5 anni fa. Bisogna analizzare quello che sta accadendo alla musica di oggi e suonare come la musica di oggi.

Com’è il vostro modo di lavorare?
Puoi scegliere di creare un pacchetto di jingle completamente nuovo, dal nulla, o fare come ha fatto m2o, ricantare o ricreare un pacchetto di jingle che qualcun altro aveva creato. Quindi nel caso di M2o abbiamo usato dei voice over, un voice over inglese, cantanti italiani, maschili e femminili. E’ un gran lavoro.

Quindi avete anche cantanti italiani in America?
No no in italia, ci mettiamo un bel po’ per cercare le voci giuste. Usare un cantante americano che prova a cantare in italiano, non funziona. In ogni paese ci dicono, non voglio che i cantanti pronuncino il nome della radio in modo sbagliato. Certo che non vuoi! Il nome della radio è la cosa più importante! Quindi noi ci mettiamo molto a trovare il cantante giusto. E una volta trovato dobbiamo assicurarci che abbia anche l’accento giusto per la radio, il suono giusto. Ci impieghiamo diverso tempo, è la cosa più importante.

Un messaggio per le radio italiane. Perché dovrebbero chiamarvi per creare i propri jingle?
Le persone oggi ottengono il loro contenuti attraverso YouTube, Tv o internet, la qualità di quello che si produce adesso è brillante, di altissimo livello. Perché la tua fantastica radio, di cui parli come se fosse la cosa migliore del mondo, dovrebbe avere dei jingle di 10 anni fa o jingle di bassa qualità prodotti in una camera da letto (tono ironico). E accade, accade! (ride) Se la tua radio è la miglior radio, fai in modo che suoni bene come le canzoni che passi, chiama ReelWorld!

Intervista a cura di Giorgio d'Ecclesia
Ceo & Founder Radiospeaker.it