10 cose che fanno arrabbiare gli Speaker

Radio News

10 cose che fanno arrabbiare gli Speaker

Siete degli speaker radiofonici o lo vorreste diventare? Quello che stiamo per pubblicare è un decalogo delle 10 cose che possono farvi arrabbiare in diretta:

 

 

 

 

 

 

 

1) SENTIRE PERSONE IN CUFFIA

Può trattarsi semplicemente della persona che sta facendo regia che deve comunicare qualcosa, ma sentire qualcuno che parla in cuffia mentre si è in onda può mandare su tutte le furie.

2) PERSONE FUORI DALLO STUDIO

Avete mai provato ad essere in diretta e vedere colleghi (o altre persone) che si aggirano intorno allo studio lasciandosi andare anche solo ad un semplice gesto o ad un’espressione del volto particolare? Scherzi tra colleghi ma in diretta anche la cosa più banale può deconcentrare.

3) L’OSPITE ANTIPATICO

All’interno di una trasmissione può capitare di avere degli ospiti da intervistare. A volte (spesso) lo speaker, pur facendo di tutto per metterlo a suo agio è costretto a dover letteralmente “estrapolare” dal soggetto in questione qualche parola, un concetto, una frase. Si tratta degli ospiti di poche parole o, ancora peggio, di quelli antipatici.

4) IL REGISTA INCAPACE

Bisogna dire che fortunatamente la categoria dei registi è piena di persone molto abili, validissime e professionali. Ma vi è mai capitato di essere affiancati da qualcuno che sbagliasse a mettere le basi, che vi chiuda il microfono o che faccia partire una canzone per un altra? Anche in questo caso è difficile trattenersi, soprattutto quando si avrebbe voglia di “sbottare” in diretta.

5) L’IMPREVISTO

Anche se a volte non sembra, nella maggior parte delle trasmissioni c’è una scaletta precisa con tempi da rispettare. Quando questa viene stravolta, per un motivo o per un altro, lo speaker può letteralmente andare in “cortocircuito”.

6) TEMPO RUBATO ALLA VOSTRA TRASMISSIONE

Il rispetto dei tempi in radio è fondamentale. Nonostante ciò, non sempre si ha la fortuna di lavorare con persone professionali e spesso può capitare che un programma, previsto per una determinata ora, sia costretto a partire con alcuni minuti di ritardo. Nulla di più irritante per uno speaker che tiene ad ogni singolo minuto di diretta radiofonica!

7) ASCOLTARE UNA BRUTTA CANZONE

I gusti sono soggettivi ma si sa, non c’è niente di peggio che dover ascoltare o mettere in onda una canzone che non piace. Purtroppo la radio è fatta per gli ascoltatori e quindi uno speaker deve abituarsi anche a questo, ma non sempre è così facile anche perché, da sempre, la musica condiziona lo stato d’animo di tutti noi.

8) I PROBLEMI TECNICI

Si potrebbe aprire un vero e proprio “mondo” legato a questo campo. I problemi tecnici possono essere molteplici e tutti diversi: dal volume delle cuffie, al microfono, al pc che non funziona, alla connessione ad internet assente, alla linea telefonica che manca… Il denominatore comune tra questi è che mandano spesso su tutte le furie chi è in diretta.

9) L’ASCOLTATORE PESANTE (O CHE PROVOCA)

Durante la diretta spesso ci possono essere interventi degli ascoltatori. Se la loro opinione o le loro considerazioni vengono riportate attraverso dei messaggi, il problema può essere facilmente risolto non leggendoli. A volte però capita di far parlare in onda, tramite un collegamento telefonico, un ascoltatore pesante che si dilunga è che è difficile da “zittire” o, ancora peggio, un soggetto che tenta palesemente di provocare il conduttore che deve cercare con lucidità di mantenere la pazienza. Si tratta di una sfida ardua e non sempre facile.

10) E  LA DECIMA? DITELA VOI

Qual è una cosa che vi ha fatto arrabbiare in diretta o che pensate possa mandare su tutte le furie uno speaker? A voi la parola!

Articolo a cura di Mattia Savioni