Mai dire Sanremo su R101 in versione ridotta, ma certo non edulcorata

Radio News

Mai dire Sanremo su R101 in versione ridotta, ma certo non edulcorata

Ve l'hanno detto che è iniziata la 62.ma edizione del Festival di Sanremo? Non lo sapevate? Beh tanto della prima serata non ne sta parlando nessuno… Naturalmente si scherza, ma come vi avevo detto qualche articolo fa, ero certo che prima o poi si sarebbe parlato tanto del Festival e così è stato.

La prima serata si è portata dietro tante, tantissime critiche che hanno, forse, risparmiato solo la conduzione di Gianni Morandi: criticato l'intervento di Celentano e tutto il siparietto intorno, criticate le canzoni che non sono eccezionali ma soprattutto non hanno avuto lo spazio che spettava a loro, surclassate dalla presenza del "Molleggiato"; criticate le nuove proposte che non portano novità dal punto di vista musicale e per la modalità di selezione effettuata.

Beh non vi preoccupate, perché le critiche continueranno ma in modo ironico, se vi stufate di vedere la puntata di Sanremo aspettate il pomeriggio successivo e ascolterete i commenti più dissacranti dal punto di vista radiofonico.

Si, perché vi avevo anticipato che R101 avrebbe sicuramente pensato a far commentare il Festival ai nuovi arrivati nell'emittente, la Gialappa's Band e così è stato: infatti nella striscia quotidiana inaugurata qualche settimana fa, insieme a Flavia Cercato ogni giorno dalle 13 alle 15, da mercoledì 15 febbraio fino a venerdì 17 febbraio "Stile Libero" si è trasformata in "Mai Dire Sanremo".

Mentre scrivo l'articolo ascolto il programma in cuffia e condivido con voi le mie riflessioni personali: la Gialappa's invita in studio ospiti, cantanti che hanno avuto a che fare con Sanremo (ad esempio oggi Roberto Vecchioni, vincitore della scorsa edizione) e con loro si parla della puntata della sera prima, con il solito piglio irriverente e sarcastico, puntando sui dettagli della serata da poco conclusa e concentrandosi su quello che non è funzionato o sui momenti migliori all'Ariston.

Per i nostalgici del commento del trio milanese è sicuramente un bel ritorno, oltre che un modo per vivere il Festival in modo diverso dal solito, ma si sente che i due (uno dei Gialappi non partecipa al programma) non hanno la stessa grinta e la stessa ironia delle edizioni scorse, non perché manchino di idee, anzi, ma perché inevitabilmente parlare ad una dozzina di ore dalla fine della diretta ammorbidisce i contenuti che già tanti hanno trattato.

Manca una cosa semplice: far tornare la Gialappa's a commentare la diretta del Festival, in contemporanea con quello che succede sull'Ariston e sono certo che il successo sarebbe molto più grande. Però questa è stata la decisione dell'emittente e la rispettiamo, sicuramente avranno le loro ragioni.

Attenzione però, l'appuntamento da comunicato stampa si conclude venerdì 17 febbraio (infatti "Stile Libero" va in onda dal lunedì al venerdì) e come sapete il Festival si conclude sabato 18, per cui non è detto che il nuovo terzetto possa commentare in diretta almeno la serata finale, vedremo. Io personalmente ci spero, come ci sperano tutti i fan della Gialappa's visti i commenti apparsi dopo la pubblicazione della notizia.

Credo che il parere del pubblico conti molto e come già dicevo nell'articolo scorso, con i loro "Mai Dire…" i tre hanno creato uno stile inimitabile e vincente, che al pubblico piace. Tante le manifestazioni di affetto e le risposte "se avessero commentato in diretta la serata del Festival, avrei tolto il volume alla televisione e ascoltato loro in radio".

Sinceramente stavo anche pensando quale potrebbe essere il bersaglio della Gialappa's quest'anno e da quello che ho sentito in questa prima diretta non si accaniscono su qualcuno in particolare ma parlano della serata più in generale, magari nell'attesa di creare un qualche tormentone.

E voi cosa ne pensate del nuovo "Mai Dire Sanremo"? Li ascoltereste in contemporanea al Festival? Li ascolterete dalle 13 alle 15 su R101? Anche perché, come si dice, il pubblico è sovrano!

Articolo a cura di Nicola Zaltieri