Radio Italia cerca "Influencer"

Radio News

Radio Italia cerca "Influencer"

Da Lunedì 31 Ottobre è possibile diventare un influencer per Radio Italia! L'emittente Solomusicaitaliana ha dato il via al suo progetto “Radio Italia Friends”.

Il progetto in questione permetterà agli utenti di condividere sui propri social network dei post (riguardante sempre gli eventi di Radio Italia ovviamente) e ricevere in cambio dei "crediti" proprio come spiega l'articolo "DIVENTA UN NOSTRO INFLUENCER CON RADIO ITALIA FRIENDS”.

Nel dettaglio il primo passo per entrare nella squadra social di Radio Italia consiste nel registrarsi e creare un proprio profilo su: radioitalia.it/friends.

Successivamente guardando la sezione Social Action, si potranno vedere tutte le proposte di eventi musicali, cantanti ed iniziative che Radio Italia metterà a disposizione. L'utente in base ai propri gusti e volontà, potrà scegliere quali di queste condividere sui propri social, e quindi dargli visibilità.

Dopo aver letto e approvato la Social Action in questione, ognuno potrà personalizzare, rendere più accattivante, interessante e visibile al mondo del web, la Social Action e successivamente pubblicarla nel momento che si vuole!

Infine a seconda di quanti click riceverà il proprio post, si guadagneranno dei punti accumulabili.

Punti che, in qualsiasi momento, potranno essere convertiti in regali, scegliendo tra quelli disponibili di “Radio Italia Friends”.

Un progetto quindi, quello ideato da Radio Italia, molto interessante! Permette di avere una totale gestione sulla personalizzazione del proprio post, libertà nella scelta di quando pubblicarli, e soprattutto quali post pubblicare a seconda dei propri gusti!

Inoltre i premi, come si legge nel sito ufficiale, possono essere: concerti esclusivi, gadget, partecipazioni ad eventi sportivi e musicali da Vip!

Insomma una chance tutta da scoprire e da provare, che mette alla prova l'utenza in veste di influencer e che mette in luce eventi e molto altro per Radio Italia. Perchè non provare?

Articolo a cura di Riccardo Seghizzi