HomeMagazineRadio NewsLa radio rende: la pubblicità che fa crescere la radio

La radio rende: la pubblicità che fa crescere la radio

Fare pubblicità attraverso la radio, rende.

Questo è il concetto chiave della campagna “La radio rende”, realizzata da Trip Multimedia Group e promossa da FCP-Assoradio, con lo scopo di incentivare le imprese a rivolgersi al mezzo radiofonico per la loro pubblicità.

Come riportato sul sito www.laradiorende.it, la campagna si serve di 7 spot radiofonici da 30 secondi ciascuno, volti a sottolineare i punti di forza della radio. Ovvero: la radio è social (è molto influente anche sul web), coinvolgente (crea emozioni e coinvolgimento), persuasiva (gli speaker radiofonici sono i primi influencer), evocativa (una voce può essere mille volte più convincente di un’immagine) un mezzo efficace (ascoltare una pubblicità per radio aiuta a ricordare meglio il prodotto), sempre presente (fruibile attraverso più dispositivi, a casa, in viaggio, o in ufficio), motore di crescita (pubblicizzarsi tramite la radio può aiutare una giovane impresa a farsi conoscere), e adatto al tuo target (grazie a localizzazione geografica, format e orari è facile individuare il target richiesto dal cliente.) 

Sul sito www.laradiorende.it, è inoltre possibile consultare in versione video o PDF, “i 10 perché della radio”, vale a dire tutte le caratteristiche che rendono la radio un ottimo mass media per fare pubblicità. Per riassumere: Il fatto di interessare esclusivamente il senso dell’udito tralasciando la vista, rende in realtà le campagne radiofoniche molto efficaci, garantendo addirittura un ritorno fino a 10 volte l’investimento iniziale. I messaggi che passano per radio, all’ascoltatore risultano oltretutto più interessanti, e sono in grado di raggiungerlo in vari momenti chiave della giornata (ad esempio nel corso di un viaggio, o proprio mentre si sta recando a fare shopping).

La radio è inoltre precisa, attraverso localizzazione geografica, format e orari, è in grado di individuare facilmente il target ideale del suo cliente. Ed è anche molto seguita, dato che lo zapping per radio è meno diffuso rispetto alla televisione. La radio rende famosi, ovvero è facile che aumenti la popolarità di un brand, che lo renda desiderabile. La nostra radio di fiducia ci porta inconsapevolmente a familiarizzare con un determinato prodotto, ci rende più vicini, così il messaggio pubblicitario risulta più convincente. Lo spot radiofonico lascia infine molta immaginazione all’ascoltatore, si può essere creativi a costi non troppo elevati. Una campagna radiofonica poi, si attiva in tempi brevi, è veloce.

La campagna entrerà nel vivo nel mese di settembre, nel frattempo sul sito www.laradiorende.it è possibile visionare le ultime ricerche sulla salute del mezzo radiofonico, con tanto di riferimenti a pubblico e dispositivi. Sono presenti anche collegamenti al sito del TER, Radiocompass, e all’Osservatorio FCP.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

 

Vittoria Marchi

Vittoria Marchi

Amo le storie. Quelle scritte, messe in scena o raccontate. Mi piace mettere in ordine le parole, e sfogare la mia creatività attraverso la scrittura creativa. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Renzo Arbore: “La radio è molto utile, è una palestra”

Renzo Arbore: “La radio è molto utile, è…

FIR e RTL 102.5 insieme per il Guinness Sei Nazioni

FIR e RTL 102.5 insieme per il Guinness…

Le radio italiane più ascoltate per fasce d’età

Le radio italiane più ascoltate per fasce d’età

Articoli recenti

Partono due nuovi programmi su Virgin Radio TV

Partono due nuovi programmi su Virgin Radio TV

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.