Come creare una Web Radio con Shoutcast? - Seconda parte

Web Radio

Come creare una Web Radio con Shoutcast? - Seconda parte

Ci eravamo lasciati parlando del server shoutcast, una delle tre parti fondamentali di una web radio tradizionale ed amatoriale. Parliamo adesso della seconda parte, l’encoder, che serve a trasformare l’audio delle nostre canzoni in un flusso (stream).

Questo encoder è parte integrante di Winamp, che supponiamo vi siate installati subito. Se non è così. fatelo subito! Non potrete infatti sperimentare l’encoder, perché vive soltanto tramite Winamp.

La prima volta che vorrete utilizzare l’encoder dovrete attivarlo, le restanti volte sarà con voi all’apertura di winamp stesso.

Per fare partire il plug-in, cliccate con il tasto destro su WINAMP PLAYLIST nella finestra di Winamp, e scegliete: OPTIONS -> PREFERENCES. Apparirà una schermata. Selezionate PLUGIN -> DSP- EFFECTS e cliccate a destra su NULLSOFT SHOUTCAST SOURCE (dovrebbe essere l’unica opzione disponibile). A questo punto il plug-in si sarà aperto, e avrà la forma di una finestrella verticale con vari tab (schede).

Andiamo ad esaminarle ad una ad una. Partiamo da MAIN: La scheda MAIN mostra gli indicatori di input, se avete il server chiuso (cosa che per ora raccomando di fare, onde evitare confusione) vedrete delle barre bianche vuote. Dopo la scheda MAIN, passiamo alla scheda OUTPUT.

A sinistra vedrete un elenco con scritto:

  • Output 1
  • Output 2
  • Output 3
  • Output 4
  • Output 5

A destra invece un contatore e una scritta. Per adesso, non curatevi di questa scritta.

Sotto la scritta c’è scritto: Connect at startup, ovvero connetti all’avvio. Spuntate questa casellina, in modo che la radio parta ogni volta che parte Winamp. Accanto alla casella di spunta c’è scritto ABORT. Questo pulsante stoppa la trasmissione. Un pò più sotto vedrete scritto CONNECTION e YELLOWPAGES, con il primo selezionato. Esaminiamo per prima proprio le opzioni di connessione.

Nelle Output Configuration troviamo:

  • Address, è impostato a localhost e potete lasciarlo cosi, in quanto indica da quale indirizzo avviene la trasmissione, ed è giustamente il proprio computer.
  • Port, settate la porta che avete impostato nelle configurazioni del server.
  • Password, settate la password che avete impostato nelle configurazioni del server.
  • Encoder, settate la modalità di streaming che preferite (questo lo vedremo tra poco)


Ultima Opzione: Automatic Reconnection: scegliete se riconnettere immediatamente la radio in caso di crash e se si, dopo quanti secondi.

Adesso clicchiamo su YELLOWPAGES:

Prima opzione da spuntare: Make this server public. Se volete essere visibili nelle pagine gialle di shoutcast, allora spuntate questa opzione, altrimenti, non sarete visibili.

  • Description: date un nome alla vostra radio e scrivetelo li.
  • URL: scrivete li l’indirizzo del vostro sito.
  • Genre: Scrivete il genere che trasmettete, o lun qualcosa che identifichi la vostra stazione
  • AIM, ICQ, IRC: Scrivete li i vostri indirizzi (non entro in merito)


Ultima opzione: Enable Title Updates: permette di far visualizzare i tag ID3 e in generale almeno il titolo e l’autore del brano che sta andando in onda in questo momento su Winamp.

Dopo la scheda OUTPUT adesso passiamo alla scheda ENCODER:

La scheda encoder permette di settare 5 modalità di trasmissione.
Come vi dicevo qualche articolo fa, una web radio che trasmette è come una grande torta. Voi avete a disposizione ingredienti per fare una torta di una grandezza definita (fuori metafora: la banda in upload), e dovete distribuire ai vostri invitati (gli ascoltatori) una fetta di torta per tutti uguale (il bitrate di trasmissione).

Se fate fette più grosse (alzate il bitrate) a parità di torta servirete meno persone. Se fate fette più piccole, potrete accontentare più persone (e quindi aumentare il maxuser) ma ognuna mangerà di meno (ognuno sentirà la radio a qualità più bassa).

Dovrete essere voi a decidere quale bitrate utilizzare. Io non posso consigliarvi nulla, ne tantomeno indicarvi la giusta via. Solo a tentoni e in base al traffico che si ha si capisce cosa è più giusto.

Settate a piacere le modalità di bitrate, ma io consiglio di impostarne una sola, l’encoder 1.

Ogni output numerato della scheda OUTPUT corrisponde allo stesso encoder numerato della scheda ENCODER.

Come ultima scheda, che per adesso snobberemo, abbiamo INPUT.

Per adesso con questo encoder abbiamo finito, adesso tocca trattare Winamp e le sue funzioni principali, per poi potere fare partire il tutto.