HomeMagazineCompressore Radiofonico: come funziona?

Compressore Radiofonico: come funziona?

A chi non è mai capitato di dire: “Questo speaker ha proprio una bella voce!”

Certamente grazie al timbro vocale proprio di ogni speaker radiofonico, ma è tutto merito suo? Non proprio. Infatti la voce in radio viene “trattata” per farla suonare al meglio. Ogni Radio può decidere di modificare/migliorare la voce dei propri speaker con varie apparecchiature audio ma, in generale, due di queste si trovano sempre: il compressore e l’equalizzatore.

Il compressore va ad agire sulla dinamica della voce, o in parole semplici sull’escursione di volume da piano a forte. La compressione in particolare riduce l’escursione dinamica del segnale. In origine è nato per modificare i segnali in uscita da microfoni per evitare la classica distorsione in ampiezza che si può verificare durante una registrazione.

Ma che effetto ha sulla voce?

La sensazione uditiva è quella di una voce più presente e con un volume maggiore. Questo perché il “picco“, ovvero quel millisecondo dove il segnale ha volume massimo, viene “tagliato” e quindi la durata di quest’ultimo è maggiore: è come avere un picco, e quindi volume massimo, più lungo e quindi più presente!

L’equalizzatore invece va ad agire sul timbro della voce, sulle frequenze contenute in essa.

Con quest’apparecchiatura possiamo andare a modificare, attenuando o aumentando, la presenza di frequenze basse, medie o alte. Si possono quindi correggere eventuali errori, come una voce troppo bassa o nasale, un sibilo, ecc.. o aumentare la presenza di gravi, medi o acuti.

Per interderci una voce con troppe basse risulterà scura e rimbombante, con troppe medie sembrerà simile a quella di un citofono/cellulare e con troppe alte sarà chiara ma priva di corpo.

Infine il De Esser unisce compressione e equalizzazione. Esso serve a ridurre la presenza di frequenze sibilanti come quelle delle s, le z o le f. Quando vengono pronunciate tali consonanti l’equalizzatore le rileva e “dice” al compressore di entrare in azione con una compressione tale da ridurne la presenza.

E’ possibile usare compressori e equalizzatori presenti all’interno dei mixer broadcast digitali oppure usare delle apparecchiature esterne da collegare poi alla nostra console. Utile poi avere un “preset ” dei settaggi di equalizzazzione e compressione tarati sulla propria voce in modo da esaltarne i pregi e mascherarne qualche difettuccio, se presente.

E voi cosa utilizzate per la vostra voce o per quelle della vostra radio?

Articolo a cura di Stefano Tumiati

Radiospeaker.it

Radiospeaker.it

Siamo la Più Grande Radio Community Italiana. Database dei professionisti della radio, delle Emittenti Radiofoniche, Radio news, Corsi di Radio, servizi per le radio e tanto altro. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

RTL 102.5 Power Hits Estate 2022: annunciato il cast

RTL 102.5 Power Hits Estate 2022: annunciato il…

Scomparso Alessandro Mannozzi, voce storica di Rai Stereonotte

Scomparso Alessandro Mannozzi, voce storica di Rai Stereonotte

Articoli recenti

Anna Maria Genzano di RTL 102.5 riceve il Premio Mondi Lucani  

Anna Maria Genzano di RTL 102.5 riceve il…

RTL 102.5 Power Hits Estate 2022: annunciato il cast

RTL 102.5 Power Hits Estate 2022: annunciato il…

Torna Battiti Live su Italia 1: questa sera la compilation

Torna Battiti Live su Italia 1: questa sera…

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.