M2o: onore al merito. Chi è il vero vincitore?

Dati d'Ascolto

M2o: onore al merito. Chi è il vero vincitore?

Come già espresso nell'articolo dedicato ai Dati d'ascolto radiofonico del primo semestre 2019, dove io per primo non ho voluto sbilanciarmi riguardo i risutati positivi di m2o (anche se poi in realtà mi ero sbilanciato lo stesso), sono qui a sottolineare che la prudenza sarebbe stata la cosa migliore per tutti.

Invece si legge sulle pagine di Repubblica questo commento di Abertino, nuovo direttore di m2o"Gli esperti mi avevano detto che quando si riparte da zero la previsione è di perdere un po' di ascoltatori. E invece questi risultati sono davvero straordinari e questo è il più bel regalo che potevate farmi, visto che il 7 agosto sarà il mio compleanno. Aspetto altri regali!". L'articolo continua dicendo: "L'emittente infatti ha da subito riscontrato un'accoglienza positiva da parte del pubblico; restyling e rinnovamento della confezione della radio sono stati apprezzati dal mercato pubblicitario che già mostra segnali positivi."

Gridare alla vittoria, ringraziando tutti e accaparrarsi la medaglia del "vincitore" (unico vincitore) non è stata a mio avviso una grande mossa, almeno per gli addetti ai lavori: sappiamo tutti che in 2 mesi non si può risollevare una radio. Impossibile.

Restiamo ai numeri: le rilevazioni TER del primo semestre 2019 riguardano casi rilevati tra il 15 gennaio e il 10 giugno 2019. Albertino si è insediato alla direzione artistica con la nuova squadra di m2o il 1° aprile 2019. Quindi il suo apporto, sicuramente positivo per carità, è stato rilevante per 2 mesi e 10 giorni. Troppo poco per dichiararsi unico vincitore, troppo poco per risollevare il giorno medio del 7% e l'AQH del 20% e troppo ingiusto nei confronti del team che lo ha preceduto, il quale è responsabile dei risultati ottenuti per il periodo 15 gennaio - 31 marzo 2019 (2 mesi e 15 giorni per essere precisi). 

Sbaglierò ma mi è sembrato quasi un voler "giustificare" agli occhi degli ascoltatori il fatto di aver "sdraiato" completamente la vecchia gestione, o una mossa commerciale per infondere fiducia agli investitori pubblicitari. Sicuramente mi sbaglio io.

Non è mancato il commento sobrio, elegante e privo di risentimento dell'ex direttore Fabrizio Tamburini che sulla sua pagina instagram scrive:"I dati di ascolto del primo semestre 2019 sono stati eccezionali per m2o.  Mi dispiace tuttavia constatare che nei commenti giustamente entusiastici di queste ore, non venga quasi mai ricordato che per più della metà delle indagini, in onda c’è stata la m2o degli ultimi sedici anni.. Quindi, se tanto mi dà tanto, andrebbe riconosciuta almeno la metà del merito... o no? 
Senza alcuna polemica, credo che sia semplicemente GIUSTO ringraziare, stavolta pubblicamente, anche i deejay, gli speaker, i tecnici, i collaboratori e tutti coloro che con vari ruoli hanno contribuito a rendere questa esperienza radiofonica unica per così tanti anni. Il dato di oggi rappresenta l’ultima di una serie di vittorie iniziate nel 2002. Direi che è la conclusione perfetta di un ciclo.  Con la serenità di sempre mi voglio anche dimenticare che qualcuno aveva lasciato intendere che ci fosse un trend negativo in atto, dimenticando che la scarsa copertura del segnale (per altro già prontamente migliorata) porta automaticamente a fluttuazioni a volte incomprensibili dovute proprio a indagini realizzate in zone più o meno coperte. Ma tant’è.. Adesso, davvero, possiamo tutti dedicarci ad altro. Io personalmente lo faccio già da tempo.  Oggi mi sono rituffato per un attimo nelle “cose radiofoniche”. Ma è bastato per rendermi conto, ora più che mai, che è stato un vero onore essere il Direttore di m2o."

Onore al merito: complimenti a Fabrizio Tamburini ed al vecchio team per aver lasciato la radio con un ottimo trend positivo e complimenti ad Albertino ed al nuovo team per aver raccolto quell'eredità. 

Articolo a cura di Giorgio d'Ecclesia